Ahmed Rashid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ahmed Rashid

Ahmed Rashid (1948) è uno scrittore, giornalista e storico pakistano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Segue i conflitti afghani da prima dell'invasione sovietica del 1979 ed è stato per lungo tempo l'unico giornalista accreditato nell'area.

Diventato famoso in tutto il mondo con il suo libro Talebani, best-seller mondiale tradotto in 26 lingue diverse ( il New York Times l'ha definito: il solo libro autorevole sui Talebani ). Scrive per Daily Telegraph, International Herald Tribune, BBC on line, The Nation, Internazionale.

Compare regolarmente su canali di informazione internazionali come CNN e BBC.

Ha intervistato ed in alcuni casi mantenuto relazioni con personalità di spicco coinvolte nelle questioni afgano-pachistane , tra le quali : Kofi Annan, Francesc Vendrell, Khalilzad, Hamid Karzai, Abdullah Abdullah, Lakhdar Brahimi, Paul Wolfowitz.

È stato insignito il 25 marzo 2001 del Nisar Osmani Award for Courage in Journalism dalla pachistana Human Rights Commission .

Ha contribuito nella primavera 2001 alla stesura del saggio Afghanistan:Reconstruction and Peacemaking in a Regional Framework commissionato dal governo svizzero ma diffuso tra i governi europei .

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Taliban: Militant Islam, Oil and Fundamentalism in Central Asia, 2000, ISBN 0-300-08902-3. Talebani: Islam, il petrolio e il Grande scontro in Asia centrale,traduzione di Bruno Amato,Giovanna Bettini,Stefano Viviani, Feltrinelli , 2001, ISBN 88 07 17063 9
  • Jihad: The Rise of Militant Islam in Central Asia, Yale University Press (2002) ISBN 0-300-09345-4. Nel cuore dell'Islam: geopolitica e movimenti estremisti in Asia centrale, Feltrinelli , 2002
  • Descent into Chaos: The United States and the Failure of Nation Building in Pakistan, Afghanistan, and Central Asia, Viking, 2008, ISBN 978-0-670-01970-0. Caos Asia: il fallimento occidentale nella polveriera del mondo, Feltrinelli ,2008 , ISBN 978-88-07-17157-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9946058 · ISNI (EN0000 0001 1037 8224 · SBN IT\ICCU\MILV\138009 · LCCN (ENn94023533 · GND (DE123322464 · BNF (FRcb12464064k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n94023533