Adalberto di Babenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando il figlio di Enrico di Franconia del X secolo della stirpe dei Popponidi, vedi Adalberto di Babenberg (figlio di Enrico).
Adalberto di Babenberg
Adalberto contro gli Ungari, dalla genealogia di Babenberg, abbazia di Klosterneuburg, 1490 circa
Margravio d'Austria
Stemma
Stemma
In carica1018 –
26 maggio 1055
PredecessoreEnrico I
SuccessoreErnesto
Nascita985 circa
MorteMelk, 26 maggio 1055
PadreLeopoldo I
MadreRiccarda di Sualafeldgau
ConiugiGlismod di West-Saxony
Frozza Orseolo
FigliDi secondo letto:
Ernesto

Adalberto di Babenberg, soprannominato il Vittorioso, (985 circa – Melk, 26 maggio 1055) è stato margravio d'Austria dal 1018 sino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terzogenito di Leopoldo I di Babenberg e Riccarda di Sualafeldgau, Adalberto succedette al fratello Enrico quando questo morì. Adalberto perseguì una politica pacifista aiutato in questo dalla conversione al cristianesimo di Stefano I d'Ungheria con cui poté instaurare rapporti amichevoli. In questa situazione di tranquillità, gli insediamenti della marca poterono estendersi verso est dove vennero bonificate vaste aree e coltivati nuovi campi.[1]

Il clima di pace, tuttavia, si spezzò improvvisamente quando il nuovo re di Germania Corrado II il Salico, in carica dal 1024, invase l'Ungheria allo scopo di ampliare i propri domini e la Marca d'Austria venne inevitabilmente coinvolta quando l'esercito imperiale dovette ripiegare su Vienna. Adalberto fu accusato di non aver fornito al proprio signore di Germania il necessario aiuto militare per non compromettere le relazioni con i vicini ungheresi ma questo mise in crisi i rapporti con l'impero. Dopo il 1040, in un'attenta politica matrimoniale che sarà tipica dei Babenberg, Adalberto sposò in seconde nozze Frozza Orseolo, figlia del doge di Venezia Ottone Orseolo, mossa che gli consentì di intrecciare con la sempre più potente Serenissima Repubblica lucrosi traffici commerciali in sostituzione di quelli con l'Ungheria decaduti a seguito delle guerre.[2] Le relazioni tra Adalberto e Impero si normalizzarono quando Enrico III divenne il nuovo imperatore anche se gli scontri con l'Ungheria non cessarono del tutto. Un trattato di pace venne raggiunto durante la reggenza di Agnese di Poitou, vedova dell'imperatore Enrico III; con questo vennero definiti solennemente i confini "intangibili e validi per tutti i tempi" orientali della marca austriaca rappresentati dai fiumi Morava e Leita.[3]

Risiedette principalmente nel castello di Melk, dove successivamente diede vita all'abbazia di Melk.[4]

Famiglia e figli[modifica | modifica wikitesto]

Adalberto sposò Glismonda della Sassonia Occidentale, ma essi non ebbero figli.

Successivamente sposò Frozza Orseolo, che successivamente prese il nome di Adelaide. Essa era la sorella di Pietro Orseolo d'Ungheria. Essi ebbero:

  • Ernesto, margravio d'Austria dal 1055 al 1075.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni
Enrico di Baviera Arnolfo di Baviera  
 
 
Leopoldo I di Babenberg  
 
 
 
Adalberto di Babenberg  
Enrico IV di Sualafeldgau  
 
 
Riccarda di Sualafeldgau  
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vajda, 1986, p. 36.
  2. ^ Vajda, 1986, pp. 36-37.
  3. ^ Vajda, 1986, pp. 38-39.
  4. ^ Vajda, 1986, p. 39.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephan Vajda, Storia dell'Austria. Mille anni fra Est e Ovest, Milano, Bombiani, 1986, SBN IT\ICCU\CFI\0030268.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Margravio d'Austria Successore
Enrico I 1018-26 maggio 1055 Ernesto
Controllo di autoritàVIAF (EN47946693 · CERL cnp01117032 · GND (DE13324993X
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie