Abitazioni in Giappone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un'abitazione tradizionale nella prefettura di Hyōgo

Le abitazioni in Giappone presentano una grande varietà di stili.[1]

Una tipica casa giapponese è costituita da un edificio di due piani realizzato in legno suddiviso in quattro o cinque stanze.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non si hanno numerose informazioni relative all'edilizia giapponese prima degli anni 1940. Nel 1923 il grande terremoto del Kantō distrusse un quinto delle abitazioni e i bombardamenti durante la seconda guerra mondiale hanno arrecato numerosi danni, in particolare nelle aree urbane.[3]

Nel 1955 venne fondata la Japan Housing Corporation (in seguito divenuta Urban Renaissance Agency[4]) che ha costruito numerosi appartamenti, in particolare negli anni 1960 in seguito all'urbanizzazione delle grandi città, situati all'interno di danchi di quattro o cinque piani.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Goldberg, p. 15
  2. ^ Dore, p. 43
  3. ^ Goldberg, p. 4
  4. ^ (EN) Profile of UR, su ur-net.go.jp.
  5. ^ Goldberg, p. 27

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Paul M. Goldberg, Housing development in Japan, Cambridge, Massachusetts Institute of Technology, 1971.
  • (EN) Ronald Philip Dore, City life in Japan; a study of a Tokyo ward, Berkeley, University of California Press, 1958.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]