Getabako

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Getabako di un sentō di Iga (Mie)
Getabako di una scuola elementare

Un getabako (下駄箱? dalle parole geta e hako, "scatola", "contenitore"[1][2]) è la scarpiera generalmente posta all'interno del genkan, la tradizionale anticamera d'ingresso che separa l'ambiente esterno da quello interno nelle abitazioni e in alcune strutture pubbliche in Giappone[2][3][4].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'usanza giapponese di togliere le scarpe prima di entrare in casa si crede risalga almeno all'età preistorica, quando le abitazioni costruite a diversi metri d'altezza rispetto al terreno erano la norma[5]. Durante il periodo Heian (794-1192) erano soprattutto le classi più abbienti a ricorrere a tale accorgimento, spinte dall'esigenza di mantenere un certo livello di igiene all'interno delle zone abitabili[4]. Successivamente, con il sorgere delle prime abitazioni e botteghe in legno ad uso comune, le machiya, si diffuse anche l'uso del getabako[6].

È possibile trovare i getabako sia nelle abitazioni private che in alcune strutture pubbliche o commerciali, come scuole[7] o sentō[8]. Nelle abitazioni il getabako è generalmente in legno, situato all'interno del genkan e condiviso da tutti i membri della famiglia[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mester, 2003, p. 231.
  2. ^ a b Trost, 2009, p. 5.
  3. ^ Ishimoto, 1963, p. 35.
  4. ^ a b (EN) Removing Shoes, in A day in The Life, The Japan Forum Newsletter (The Japan Forum), nº 8, giugno 1997. URL consultato il 27 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2009).
  5. ^ (EN) Genkan (entrance), in Mini Encyclopedia, The Japan Forum. URL consultato il 27 maggio 2016.
  6. ^ a b Iwai, 2008, p. 174.
  7. ^ (EN) Removing shoes, in A Day with Kentaro, The Japan Forum. URL consultato il 29 maggio 2016.
  8. ^ Ishiyama, 2009, p. 19.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Tatsuo Ishimoto e Kiyoko Ishimoto, The Japanese House: Its Interior and Exterior, Crown, 1963, ISBN non esistente.
  • (EN) Elizabeth Ishiyama, Sento - The Japanese Public Bath, Lulu.com, 2009, ISBN 0-615-26365-8.
  • (JA) Hiromi Iwai, Ebiki mingu no jiten, Kawade Shobō Shinsha, 2008, ISBN 9784309224879.
  • (EN) Armin Mester, Japanese Morphophonemics: Markedness and Word Structure, MIT Press, 2003, ISBN 9780262590235.
  • (EN) Michelle Trost, Toasty's Home-Made Japanese Lessons: Book One Basics, Dorrance Publishing, 2009, ISBN 9781434994189.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Giappone