...in Death of Steve Sylvester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
...in Death of Steve Sylvester
ArtistaDeath SS
Tipo albumStudio
Pubblicazione1988
Durata1 ora e 14 min.
Dischi1
Tracce10 + 3 bonus tracks
GenereHeavy metal
Speed metal
EtichettaMetalmaster
Lucifer Rising Records
ProduttoreSteve Sylvester
Death SS - cronologia
Album successivo
(1989)

...in Death of Steve Sylvester è il secondo album del gruppo metal italiano Death SS, il primo in studio, pubblicato nel 1988 da Metalmaster.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album presenta classiche sonorità heavy metal (spesso con elementi speed e doom metal), arricchite da tetri riff di chitarra e vari effetti sonori inquietanti. Le tematiche sono legate all'horror, come tipico della band, che è definita pioniere dell'horror metal.[1]

Quasi tutte le canzoni del disco sono ri-registrazioni di versioni precedenti risalenti agli anni '70 e primi anni '80, originariamente registrate dalla prima formazione; le canzoni totalmente inedite sono "Vampire", "Death" e "Werewolf". Le prime 5 canzoni del disco sono incentrate sui mostri dei vecchi film horror, ed ogni membro della band ne rappresenta uno: il cantante Steve Sylvester è il vampiro, i chitarristi Christian Wise e Kurt Templar sono rispettivamente la morte e lo zombie, il bassista Erik Landley è la mummia, il batterista Boris Hunter è l'uomo lupo.

Nel 1997 la Lucifer Rising Records ha pubblicato una versione rimasterizzata contenente quattro bonus tracks.

Le canzoni sono state tutte composte da Steve Sylvester e dal chitarrista originario della band Paul Chain, fatta eccezione per I Love the Dead, cover di Alice Cooper, e per le bonus tracks aggiunte In Ancient Days e Come to the Sabbath, cover dei Black Widow, band di grande ispirazione per Sylvester. Vampire e Terror sono due tra le canzoni più famose dei Death SS, e vengono quasi sempre suonate dal vivo dalla band.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Vampire - 5:37
  2. Death - 4:44
  3. Black Mummy - 5:57
  4. Zombie - 5:13
  5. Werewolf - 5:29
  6. Terror - 8:05
  7. I Love the Dead (Alice Cooper cover) - 4:22
  8. The Hanged Ballad - 8:19
  9. Murder Angels - 4:00

Bonus Tracks[modifica | modifica wikitesto]

  1. In Ancient Days (Black Widow cover) - 6:12
  2. Come to the Sabbath (Live) (Black Widow cover) - 4:10
  3. Zombie (Demo 1980) - 6:13
  4. Black Mummy (live 1980) - 5:10

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eduardo Rivadavia, Death SS - AllMusic, Allmusic.com. URL consultato il 1 marzo 2012.
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal