'O paese d' 'o sole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
'O paese d' 'o sole
ArtistaAA.VV.
Autore/iVincenzo D'Annibale
Libero Bovio
GenereCanzone napoletana
Data1925

'O paese d' 'o sole è un brano musicale italiano del 1925, scritto da Vincenzo D'Annibale e Libero Bovio.
Tra le massime espressioni dei tempi d'oro della Canzone napoletana, il testo è stato interpretato da alcuni dei più celebri cantanti di tutti i tempi, napoletani e non, tra i quali si annoverano Mario Abbate, Luciano Pavarotti, Claudio Villa, Giuseppe Di Stefano, Bruno Venturini, Mario Del Monaco.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Ogge stó tanto allero
ca quase quase mme mettesse a chiagnere
pe' 'sta felicitá.
Ma è overo o nun è overo
ca só turnato a Napule?
Ma è overo ca stó ccá?
'O treno steva ancora 'int' 'a stazione
quanno aggio 'ntiso 'e primme manduline.

Chist'è 'o paese d' 'o sole,
chist'è 'o paese d' 'o mare,
chist'è 'o paese addó tutt' 'e pparole
só doce o só amare,
só sempe parole d'ammore!

Sta casa piccerella,
sta casarella mia n'copp Posillico, luntano chi ta ra',
sta casa puverella, tutta addurosa (e) nepeta se putarria pittà,
accà nu giardiniello semp' n'fiore e di rimpetto o' mare, sul o' mare:

Chist'è 'o paese d' 'o sole,
chist'è 'o paese d' 'o mare,
chist'è 'o paese addó tutt' 'e pparole
só doce o só amare,
só sempe parole d'ammore!

Tutto, tutto è destino!
Comme putevo fá furtuna a ll'estero
s'io voglio campá ccá?
Mettite 'nfrisco 'o vino!
Tanto ne voglio vévere,
ca mm'aggi' 'a 'mbriacá.
Dint'a sti qquatto mure io stó cuntento,
mamma mme sta vicino e nénna canta:

Chist'è 'o paese d' 'o sole,
chist'è 'o paese d' 'o mare,
chist'è 'o paese addó tutt' 'e pparole
só doce o só amare,
só sempe parole d'ammore!

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]