Valencia (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Famiglia spagnola di origine reale[1][2][3], italianizzata in Valenza, discendenti dai re di Castiglia e Leon della dinastia degli Anscarici.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Hanno come capostipite un infante Giovanni[1], il quale ricevette Valencia de Campos dal padre Alfonso X. La città donatagli cambiò nome nell'attuale Valencia de Don Juan[4]. Si sposò con una Margherita figlia di Guglielmo VII del Monferrato[4] ed ebbero un unico figlio, Alfonso, che adottò il cognome Valencia e lo trasmise alla sua discendenza[2][3]. Un altro Alfonso prese parte alla secondo viaggio per le Indie comandato da Cristoforo Colombo, imbarcandosi il 25 settembre 1493. A Santo Domingo si sposò con una donna originaria di Vitória, Costanza di Vergara. Un altro Juan detto "il peruviano" fu una spia di Filippo IV, dalle prove fornite per l'ingresso nell'Ordine militare di Calatrava si evince che nacque a Lima e fu battezzato il 25 febbraio 1605.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Alfredo Cazabán y Laguna, Apuntes para la historia de Úbeda pagina 188, Impr. J. Martinez Montero, 1887.
  2. ^ a b (ES) Benigne Acosta Polo, La poesía de Guillermo Valencia, Imprenta Departamental, 1965.
    «Don Alfonso di Valencia, nipote di Alfonso X e unico figlio dell'infante don Juan adottò il cognome Valencia e lo trasmise ai suoi discendenti».
  3. ^ a b (ES) José Ignacio Bustamante, La poesía en Popayán (1536-1954), Editorial Universidad del Cauca, 1954.
    «Gli studiosi più antichi considerano don Alfonso di Valencia come capostipite del cognome Valencia , fu l'unico figlio di don Juan».
  4. ^ a b (ES) José Del Corral, Gentes en el Madrid del XVII: formas de vida en el Siglo de Oro pagina 101, Silex Ediciones, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Gentes en el Madrid del XVII: formas de vida en el Siglo de Oro di José del Corral. URL consultato il 5 maggio 2011.