Urbex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Area dismessa
Un impianto industriale belga in disuso ma ben conservato.
Il grande salone abbandonato dell'Hellingly Hospital,
un ospedale psichiatrico inglese dismesso.
Stele funeraria di Philibert Aspairt nelle Catacombe di Parigi.

L'Urban Exploration (spesso abbreviata in urbex o UE), tradotta letteralmente dall'inglese come "esplorazione urbana", consiste nell'esplorazione di strutture costruite dall'uomo, spesso rovine abbandonate o componenti poco visibili dell'ambiente urbano. La fotografia e la documentazione storica sono ingredienti essenziali di questo hobby e, anche se talvolta esso può condurre allo sconfinamento su proprietà private, non è questa la regola e comunque le intenzioni sono oneste.[1] L'Urban Exploration è anche comunemente indicata come "infiltrazione"; tuttavia alcuni praticanti preferiscono limitare tale denominazione alla sola esplorazione di siti attivi o abitati. Talvolta viene anche chiamata "speleologia urbana" o "arrampicata urbana", a seconda dei luoghi visitati. Esempi di questa attività sono l'esplorazione di palazzi sia abbandonati che ancora abitati, di sistemi urbani di drenaggio delle acque, di tunnel di servizio, di passaggi sotterranei e simili.

Per sua stessa natura l'urbex comporta diversi fattori di rischio, dai pericoli fisici veri e propri alla possibilità di infrangere la legge con relative sanzioni sia pecuniarie che penali. In diversi paesi, infatti, alcuni comportamenti connessi con l'esplorazione urbana possono violare leggi nazionali, regolamenti locali e interpretazioni più o meno libere delle normative contro il terrorismo, oppure possono essere anche considerati forme abusive di accesso o lesioni della privacy.[2]

Origini e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la storia dell'Urban Exploration è abbastanza recente (due secoli all'incirca), le sue origini vengono fatte risalire al 3 novembre 1793, quando un leggendario "esploratore" delle Catacombe di Parigi, Philibert Aspairt, divenne celebre per la sua morte prematura in quella vasta rete di gallerie sotterranee in cui si era smarrito. Anche se la sua esistenza non è del tutto provata, Aspairt (o colui il cui cadavere venne ritrovato undici anni dopo nel sottosuolo parigino) è sepolto nel Grand Réseau Sud, sotto la rue Henri Barbusse, presso il boulevard Saint-Michel. Da allora quel luogo e le Catacombe in generale, nonostante il divieto di accedervi senza autorizzazione, sono frequentate soprattutto dai cosiddetti cataphiles ("amanti delle Catacombe"), che ne hanno fatto un enorme spazio di incontri e socializzazione.[3]

La ben più recente popolarità dell'urbex fra il pubblico va indubbiamente attribuita all'attenzione per il fenomeno ottenuta sui media, per esempio con programmi molto seguiti come Urban Explorers su Discovery Channel, Cities of the Underworld su The History Channel o il reality MTV's Fear su MTV ambientato in tipici luoghi abbandonati, oppure con film come Urban Explorer, un horror-thriller che si svolge nei sotterranei di Berlino, o After..., un thriller paranormale con un gruppo di "esploratori urbani" nelle gallerie della metropolitana di Mosca, oltre naturalmente agli articoli e le interviste sui giornali.

Preparazione ed esplorazione[modifica | modifica wikitesto]

Come ogni sport o hobby, anche l'esplorazione urbana ha dei punti fissi cui attenersi per poter essere praticata in modo relativamente sicuro ed in modo da non recar danni o problemi non solo a coloro che la praticano, ma anche a terzi.

Urban Exploration e leggi locali[modifica | modifica wikitesto]

  • Evita di infrangere le leggi locali. La violazione di domicilio è illegale in molti paesi e giurisdizioni. Le leggi sulla proprietà privata variano da paese a paese e non dovresti dare per scontato che un'azione legale in un'area sia legale anche in un'altra. In strutture più grandi, i guardiani ti garantiranno accesso per vedere la zona che preservano.
  • Cercate di evitare accessi con cartelli "proprietà privata" o "divieto d'accesso". 
  • Cercate di scegliere ingressi dove non ci sia nulla da scavalcare, in modo da non essere accusati di effrazione con scasso.
  • Un edificio nettamente in rovina potrebbe darvi l'attenuante dello "stato di chiaro abbandono" in caso di fermo.
  • Cerca di conoscere le leggi sulla violazione del domicilio e sii pronto ad accettarne le conseguenze. Essere collaborativi in caso di fermo ed in grado di fornire prove delle proprie buone intenzioni (principalmente foto e l'assenza di oggetti da scasso) è già un buon modo per non incorrere in accuse più gravi. 
  • Se ti trovi ad affrontare una guardia di sicurezza o un ufficiale di polizia, sappi che non hanno assolutamente nessun diritto di sequestrarti la macchina fotografica o altro equipaggio. Difendi i tuoi diritti, a meno che tu non sia arrestato dietro applicazione della legge. In questo caso devi obbedire agli ordini, tra i quali lasciare che prendano la tua macchina fotografica come oggetto di proprietà e prova.  
  • Inoltre sappi che ci sono delle circostanze attenuanti: portare alcuni attrezzi di cui hai bisogno può sembrare una buona idea, ma se vieni scoperto in loro possesso puoi cacciarti in ulteriori guai. Inoltre ci sono zone dove essere scoperti di notte è un crimine ancora peggiore.
  • Sappi che forzare l'ingresso di un edificio è un crimine aggiuntivo a quello di violazione della proprietà privata.
  • Non portare strumenti come cacciaviti, chiavi inglesi, tenaglie ecc. Se vieni fermato, questi arnesi saranno sufficienti a metterti nei guai per tentato furto.
  • Sii prudente in quegli edifici che mostrano segni di vandalismo, porte forzate, saccheggio o altri atti distruttivi criminali. L'Urban Exploration non è un'attività distruttiva, ma puoi essere facilmente incolpato per danni arrecati all'edificio precedentemente. 
  • Se ti imbattessi in un vicino, una guardia di sicurezza o un poliziotto non scappare. Questo può solo aggravare la tua posizione. Spiega perché ti trovi lì e cosa hai fatto.

Ricerca e mappatura[modifica | modifica wikitesto]

Cerca un sito da esplorare. Nella maggior parte dei casi le strutture che stai cercando di esplorare hanno catturato la tua attenzione durante altre attività, piuttosto che per una ricerca intenzionale. Ad ogni modo strutture non menzionate vengono trascurate e possono essere trovate solo viaggiando per la città o paese. Puoi anche trovare dei posti da esplorare parlando con persone che hanno interessi simili o sui forum in internet.

La mappatura dell'area è indispensabile per non perdersi. Spesso basta fare uno screenshot da Google Maps, stamparlo o salvarne l'immagine sul cellulare. Sapere dove si è vi aiuta molto sia nel visitare tutta l'area, anche quella nascosta dalla vegetazione. Inoltre può aiutarvi a capire come raggiungere alcuni punti. Dalla visione del satellite potete anche capire se alcune zone sono utilizzate dalla presenza di cantieri, auto o ripetitori sui tetti.

Chiedere il permesso o no?[modifica | modifica wikitesto]

Senza prima parlare con un guardiano o proprietario, potresti essere scambiato per un abusivo, vandalo, piromane o qualcuno che cerca di recuperare qualcosa. Chiarisci le tue intenzioni per evitare accuse infondate. 

Purtroppo a volte annunciare le proprie intenzioni causa un netto rifiuto per pura negligenza o pigrizia dell'organo preposto alla sicurezza. Valutate con attenzione quali sono i casi in cui paghi maggiormente un approccio collaborativo e dove invece è meglio una semplice incursione. Più un edificio è privo di aree dismesse e malconce, più probabilmente sarà sguarnito di sorveglianza. Al contrario, alcuni cantieri possono contenere macchinari e strumentazione che invece potrebbero essere ben sorvegliati.  

Cammina lungo il perimetro[modifica | modifica wikitesto]

Quali sono le possibili entrate (o uscite se hai bisogno di scappare)? Finestre, porte non chiuse a chiave, porte che possono essere forzate (previo avviso legale), tetti, tunnel e buche sono tutti possibili punti di ingresso negli edifici abbandonati. L'altro vantaggio di farsi una passeggiata attorno all'area è vedere chi o cosa potrebbe vedervi da abitazioni al di fuori del complesso. Passeggiate cercando di non mostrare la palese intenzione di voler entrare nel complesso. Infine la passeggiata vi indica se nelle vicinanze ci sono pericolosissimi insediamenti di abusivi o campi zingari.

Valutare gli ingressi[modifica | modifica wikitesto]

L'altro vantaggio di farsi una passeggiata attorno all'area è vedere quanto possa essere "frequentato" il luogo. Entrate molto facili, montagnette di rifiuti, sacchetti recenti e numerose scritte sugli edifici indicano che entrare è facile e c'è poca sorveglianza, ma pure che all'interno potrebbero verificarsi incontri poco piacevoli. Molti senza tetto usano queste aree come domicilio e potrebbero essere abbastanza pericolosi, anche perché spesso usano questi posti come deposito. In molti casi ti renderai conto di come infiltrarsi in una struttura è più facile di quello che pensi. Filo spinato, muri alti e porte chiuse a chiave sono tutti ottimi deterrenti, ma in molti casi c’è una parte della struttura che è più vulnerabile. Infine, se ti vuoi intrufolare da qualche parte scavalcando un muro alto o infilandoti in un passaggio "difficile", considera se potrai uscirne dopo.

Edifici pericolanti[modifica | modifica wikitesto]

Queste aree dismesse sono solitamente pericolanti e potenzialmente molto pericolose.

  • Camminate sempre a passo leggero e lento. Questo non solo abbasserà la possibilità di essere visto ed il rumore prodotto, ma vi permette di tastare il terreno ad ogni passo.
  • Alcune botole sono coperte da sterpaglia, cartoni e polvere. Eviterete chiodi nei piedi e scivoloni sulla muffa.
  • Date sempre un occhio al soffitto in ogni nuova area e non passate sotto a neon, soffitti inarcati e strutture appese.
  • Prestate massima attenzione alle scale che possono essere vere e proprie trappole. Se dovete percorrerle camminate rasente al muro con la mano sempre vicina ad un appiglio. 
  • Anche i bordi dei cornicioni ed eventuali passerelle possono non reggervi diventando a loro volta dei veri e propri trabocchetti. Statene alla larga. 
  • Non camminate mai sotto a cornicioni.
  • In queste strutture solitamente non c'è elettricità, ma comunque evitate di toccare cavi e fili.
  • Cunicoli e gallerie, specialmente se non in muratura, possono crollare e rappresentano il pericolo maggiore di morte in questi luoghi, anche per la difficoltà dei soccorsi. Non strisciate mai in queste zone.
  • Ricordati che le catacombe possono essere estremamente pericolose data la facilità di perdersi (sono state costruite a questo scopo), perciò assicurati sempre di sapere qual è la via d'uscita.
  • Alcuni edifici sono stati confiscati o abbandonati e ispezionati e recintati proprio perché sono pericolosi. Se vuoi comunque avventurarti nella loro esplorazione, ricorda che, se qualcosa andasse storto, metteresti a rischio i tuoi soccorritori, cioè polizia, pompieri, personale di pronto soccorso o quanti verranno ad aiutarti. Non solo potrai farti male tu ed essere accusato di crimine, ma potresti anche fare del male agli altri ed essere costretto a rimborsare le spese a coloro che ti sono venuti in soccorso.

Lascia la struttura come l'hai trovata[modifica | modifica wikitesto]

L'esplorazione urbana è provare il fascino delle aree "fantasma", il piacere di scattare foto e produrre video, non becero vandalismo. Non rovinare dunque l'esperienza ai futuri esploratori. Inoltre non vorrai certo che venga compilato un rapporto dalla polizia se qualcosa fosse stata distrutta o rubata. In questi luoghi si è comunque degli ospiti e vanno trattati con rispetto. 

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

Vestiti adeguatamente

  • Esplorazione Urbana Ex Ospedale
    Antwerp
    Il consiglio è di indossare pantaloni mimetici anti taglio. Solitamente in estate questi luoghi sono pieni di arbusti e vi consigliamo pantaloni mimetici verdi e leggeri. D'inverno invece la vegetazione si riduce e potrebbero essere meglio dei mimetici urbani pesanti.
  • Vestirsi di nero e senza superfici catarifrangenti  abbassa la possibilità di essere notato di notte e può essere una buona alternativa al mimetico. Di giorno i vestiti neri sono abbastanza visibili.
  • Sebbene indossare una tuta sembri un'idea comoda, rovi e fil di ferro ci si impigliano facilmente.
  • Sebbene l'idea di avere mille tasche, utensili e zaini possa sembrare comodo, in verità vanno limitate al massimo la possibilità di impigliarsi. In un gilet da pesca avrete tutto quello che vi serve oltre ad essere solitamente color mimetico anch'esso. Inoltre vi permette di avere tutto ciò che vi serve velocemente a portata di mano.
  • Sarebbe consigliabile una maglia a maniche lunghe. 
  • Alcuni Urban Explorers utilizzano robuste tute intere da meccanico (in colori non sgargianti), essendo molto confortevoli, robuste, anti taglio, piene di tasche comode ed economiche. 

Scarpe

Le scarpe sono forse la cosa più importante del vostro equipaggiamento.

  • Devono essere con una suola spessa per ridurre la possibilità di ferirsi con chiodi e vetri.
  • Devono essere comodissime e flessibili poiché devono permettervi piccole arrampicate.
  • Devono essere a collo alto per evitare graffi alle caviglie e pericolose storte.
  • Devono essere impermeabili perché spesso ci sono fango e pozzanghere in queste aree.
  • Devono essere con una suola che non produca eccessivo rumore e "fischi".
  • Non devono avere catarifrangenti.

Altri oggetti

  • Un cappellino da baseball o da pesca evita di sporcarsi i capelli, evita qualche ragnatela in faccia e fornisce una minima protezione contro botte e tagli. Si può optare anche per un elmetto da operaio senza colori sgargianti (su cui agganciare eventuali torce). Noi abbiamo trovato molto comodi i cappelli da pesca con visiera e led incorporati.  
  • Non dimenticarti di portare un piccolo kit di pronto soccorso se ti tagli o ti procuri una ferita; almeno la base, cerotti, acqua ossigenata, benda, laccio.
  • Il tempo passa veloce quando esplori. Portati sempre qualcosa da bere
  • A volte tocca inginocchiarsi per passare da aperture e passaggi stretti per cui un paio di ginocchiere può tornar comodo.
  • Se siete fumatori, portatevi qualcosa per buttare i mozziconi. Sebbene si tratti di zone spesso umide, è altissimo il rischio di incendi. 

Illuminazione

Porta sempre una o due torce di riserva anche di giorno. Restare in un sotterraneo senza luce non solo è pericolosissimo ma anche potenzialmente traumatizzante. Il nostro consiglio è di portare due piccole torce di riserva a led, una torcia potente ed una lampada "da testa" in caso vogliate avere entrambe le mani libere. Se vedi chiaramente spegnila, anche per risparmiare batterie. Un trucco del mestiere è portarsi almeno una torcia impermeabile o in alternativa anche una candela ed un accendino. Un filtro rosso per la tua torcia ti aiuterà ad avere una visione notturna più naturale e diminuirà la possibilità di essere visto da una certa distanza. Nota che la luce è il modo più facile per essere individuati anche ad un chilometro di distanza. Per diminuire la possibilità di essere individuati, puntatela sempre circa a 45° verso terra (controllando rapidamente però sempre anche il soffitto). Se si va ad esplorare  in due mai puntarla negli occhi dell'altro.

Cellulare

Il cellulare è importantissimo per chiamare soccorsi ed aiuto in caso di gravi imprevisti. Tuttavia ricordatevi sempre di togliere la suoneria e metterlo in un punto dove sia al sicuro da eventuali colpi.

Metal detector

Alcuni Urban Explorer amano far ricerche al limite dell'archeologico. In caso di esplorazione di una residenza rurale, cerca dove i residenti un tempo potrebbero aver buttato i rifiuti, e porta con te un metal detector. Potresti scoprire che nei vecchi rifiuti c’è un tesoro dei tempi moderni. Ricordate sempre però che siete in una proprietà privata e ciò che trovate non vi appartiene.

Bomboletta Spray

In zone molto labirintiche come i sotterranei alcuni esploratori portano una bomboletta per segnare una freccia ai bivi e non perdersi. Tale espediente serve solo in zone molto ampie ed intricate. In casi normale può semplicemente farvi scambiare da eventuali accertatori per banali vandali che riempiono questi posti di graffiti e murales.

Consigli utili[modifica | modifica wikitesto]

Nessun rumore

Sono inoltre preferibili vestiti che non fanno rumore. Evitate oggetti che producano tintinnio al vostro movimento. Anche avere abiti che non si impigliano nei rovi aiuta a non produrre rumore che è il modo più facile di segnalare la vostra presenza nell'area. Oltre che essere vandalismo, rompere un vetro o sfondare una porta può essere udito grazie al rimbombo per centinaia di metri. Muoversi tra le frasche può produrre un rumore udibile anche a 80 metri. Se si va in due o più ricordate che parlare non solo vi rende facilmente individuabili, ma copre anche i rumori. Comunicate a gesti dove c'è una buona possibilità di fare brutti incontri.

Mani libere

È naturalmente sempre meglio avere entrambe le mani libere quando si avanza. In caso intendiate fare un video il consiglio è di utilizzare una "Go Pro" e prestare più attenzione a dove si mettono i piedi piuttosto a ciò che si stà inquadrando.

Da soli o in compagnia

Porta sempre con te qualcuno, così che possa andare a cercare aiuto se succede qualcosa. C’è una certa sicurezza nel fare numero. Tuttavia più si è, più aumenta in modo esplonenziale la possibilità di essere visti e di provocare rumore. Un buon compromesso è fare una prima incursione dell'area sbrigativa da soli evitando scale e sotterranei, per poi tornarci in gruppo a colpo sicuro in modo più approfondito se l'area si dimostra valida e sicura. Per lo meno fai in modo che qualcuno sappia dove ti trovi e a che ora sarai di ritorno. 

Abusivi

Se l'edificio è stato abbandonato dal proprietario originario, potrebbero esserci nuovi residenti (abusivi!). Alcuni abusivi possono essere molto pericolosi, perciò cerca di evitare lo scontro fisico e vattene immediatamente se pensi di rischiare di essere aggredito. In ogni caso gira con circospezione stando attento agli angoli; una buona regola è gettare un'occhiata in ogni nuova stanza prima di accedere. È anche possibile incontrare altri Esploratori. Cercate sempre di individuare i presenti senza farvi vedere (o sentire) e valutate come comportarvi. Ricordate che il miglior modo per passare inosservati è restare immobili accovacciati. 

Pioggia

In queste aree spesso restano grosse pozze anche nei due o tre giorni dopo ad un temporale per cui sarebbe meglio aspettare che tali pozze si siano asciugate. Inoltre il rumore delle gocce copre i rumori e rende più difficile individuarvi, ma anche individuare eventuali presenti.

Animali

Attento a serpenti o insetti. Potresti non essere capace di capire se sono velenosi o meno. In Italia sono pochi gli animali davvero pericolosi ma comunque vipere, vedove nere e scorpioni sono presenti. Anche vespe e api possono essere pericolose mentre le zanzare ed i ragni comuni possono essere una bella seccatura. Dalla primavera all'autunno in zone con arbusti portate del repellente per zanzare o potrebbero essere davvero fastidiose.Se l'area è aperta ed incustodita raramente ci sono cani. Ma se l'area è recintata potrebbero essere una bruttissima sorpresa.

  • Nota che grosse colonie di gatti molto socievoli può indicare che qualcuno viene regolarmente a dargli da mangiare.

Intossicazione

Attento alla vernice scrostata a base di piombo e all'isolamento. I vecchi edifici possono contenere altri pericoli al loro interno, come sostanze velenose o amianto. A volte troverai un segnale di avviso, ma non è sempre così! Stai attento all'isolamento, al soffitto, alle mattonelle del pavimento, per evitare che si diffondano nell'aria pericolose fibre di amianto.L'amianto fu utilizzato come materiale di costruzione dal 1930 al 1970. Le sue piccolissime particelle vengono trasportate dall'aria dal soffio più leggero. L'amianto è la causa di un cancro ai polmoni mortale e doloroso chiamato mesotelioma. Se non indossi una maschera antigas, è molto meglio che tu prima legga e studi le varie forme di amianto. Questo dovrebbe permetterti di identificarlo e di tenerti alla larga ed evitare una possibile morte prematura. Ancora peggio se l'area ha quel brutto odore di bruciato, segno che c'è stato un incnedio; oltre al possibile cedimento della zona circostante, le esalazioni tossiche triplicano in questi ambienti da evitare totalmente, anche se si indossano maschere leggere. Farsi una doccia e cambiarsi i vestiti subito dopo essere stato in perlustrazione è una buona idea, in modo da rimuovere qualsiasi sostanza irritante o nociva con cui potresti essere entrato accidentalmente in contatto. Attento agli ambienti stagnanti perché spesso portano ad una concentrazione più alta di malattie, virus e agenti patogeni. La prova che si tratti di ambienti poco salubri è data dalla presenza di muffa, escrementi di animali e uccelli, materiali edili fradici, e animali morti. Aree di estrema stagnazione, come le miniere, cave, e fognature possono scatenare gas pericolosi impercettibili. Va infine aggiunto il fatto che tutto ciò che è metallico in queste zone è arrugginito e graffiarsi può essere molto pericoloso.

Armi

Avere con se un machete può essere rassicurante oltre che comodo, tuttavia è un'altra grave infrazione al condice penale e garantisce immediato fermo con possibili conseguenze gravissime. Un buon compromesso è prendere in loco un bastone robusto. In caso di fermo dalla sicurezza potrete buttarlo a terra all'istante e non costituisce reato. Può essere usato per tastare il terreno, per farvi strada tra sterpaglie e ragnatele. Se optate per aggirarvi con un bastone o spranga raccolti da terra impugnatelo in modo da non ferirvi cadendoci sopra in caso di caduta. Impugnare un bastone può essere interpretato da abusivi come un chiaro segno di minaccia e potrebbe esortarli alla fuga ma anche ad azioni avventate. Evitate coltelli, anche piccoli. Evitate ovviamente armi repliche come soft air o scaccia cani.

Aspetto esoterico

Ad alcuni Urban Explorer piace molto l'aspetto esoterico dei luoghi abbandonati. Ex Ospedali psichiatrici, aree incendiate, ville e castelli sono sempre piene di leggende metropolitane. Si tratta di storie di fantasmi solitamente basate su aneddoti e leggende di paese. Tuttavia molte di queste leggende si basano su interessanti fatti storici. Sarebbe interessante informarsi sempre prima sulla storia del luogo che si visita anche per gustare questo aspetto sicuramente inquietante dell'Urban Exploration. Simile all'Urban Exploration sono i Mystery Hunters che prediligono edifici con tristi passati e danno la caccia a possibili spiriti fantasmi e segni, spesso anche con speciali attrezzature. L'Italia ad esempio è piena di Ex Ospedali psichiatrici abbandonati, come Mombello, Vercelli o Voghera. Sono luoghi sicuramente inquietanti dove in passato sono stati compiuti atti di violenza e dove si sono consumate tristi storie. Altri castelli o ville hanno malinconiche storie di sucidi ed omicidi. Sebbene chiunque sia libero di credere o meno in queste storie, si esorta ogni esploratore a procedere con rispetto massimo di questi luoghi e di non sottovalutare l'ansia e l'inquietudine che si percepisce in alcune di queste zone.

Il pericolo psicologico

Si deve sottolineare che un pericolo dell'urban exploration è il fattore psicologico. In una zona abbandonata, soprattutto di notte è facile sentire rumori, perdersi ed in generale spaventarsi. Purtroppo a volte l'auto suggestione gioca brutti scherzi. In alcune aree è anche possibile provare una sensazione di claustrofobia o addirittura di ansia. Se qualcuno si sente a disagio non forzatelo a fare qualcosa e non lasciatelo solo; gestire qualcuno con un attacco di panico non è facile. La regola è non fare cose avventate e non spingersi oltre ai propri limiti.  Mai correre e mai farsi prendere mai dal panico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) James Nestor, "The Art of Urban Exploration", in San Francisco Chronicle del 16 agosto 2007.
  2. ^ (EN) Jonathan Haeber, "A Complete Guide to Urban Exploration", sul sito Bearings, 21 dicembre 2008.
  3. ^ (FR) Barbara Glowczewski e Jean-François Matteudi, La Cité des cataphiles - Mission anthropologique dans les souterrains de Paris, Parigi, Librairie des Méridiens, 1983. ISBN 2-86563-074-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

The Atlantic Paranormal Society