Tumbaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un pettoreale di tumbaga, della cultura Quimbaya; 300–1600 d.C.

Tumbaga fu il nome dato dai conquistadores spagnoli ad una lega di oro con rame, e più raramente con altri metalli, utilizzata dagli indios quindaya nella zona del Medio Quindío, in Colombia per la fabbricazione di gioielli, statuine ed altri oggetti sia ornamentali che d'uso[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La lega ha un punto di fusione sensibilmente più basso di quello dei singoli metalli che la compongono, ha una durezza superiore a quella del rame ma mantiene una buona malleabilità.

Per ottenere una buona lucidatura, può essere trattata con acido citrico per sciogliere il rame in superficie, lasciando una patina di oro praticamente puro che ricopre la più resistente lega in profondità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione dal vocabolario Treccani. URL consultato il 18-05-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

materiali Portale Materiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di materiali