Trattato di Canandaigua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il trattato di Canandaigua è un trattato firmato al termine della rivoluzione americana tra gli Stati Uniti e le Sei Nazioni irochesi. Fu siglato a Canandaigua, nello stato di New York, l'11 novembre 1794, da cinquanta sachem della Confederazione Irochese e da Timothy Pickering, inviato del presidente George Washington.

Il trattato stabilì l'amicizia tra gli Stati Uniti e gli irochesi, affermando i diritti di questi ultimi al possesso di terra nello stato di New York, con gli stessi confini stabiliti nel Phelps and Gorham Purchase del 1788.[1]

Noto anche come trattato di Pickering e trattato del calicot,[2] l'accordo è ancora riconosciuto attivamente dagli Stati Uniti e dalle nazioni irochesi; nello stato di New York, le Sei Nazioni ricevono ancora, secondo il trattato, vestiti in calicot come pagamento,[3] mentre gli Oneida del Wisconsin ricevono un pagamento annuo di 1.800 $.[2][3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Treaty of Canandaigua, Cayuga Nation ("People of the Great Swamp"). URL consultato il 17 agosto 2009.
  2. ^ a b Gillian Houghton, The Oneida of Wisconsin, The Rosen Publishing Group, pp. 25–26. ISBN 0-8239-6432-9. URL consultato il 17 agosto 2009.
  3. ^ a b Calico payments to Indians are less this year, The Evening Independent, 8 novembre 1941. URL consultato il 17 agosto 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Peter Jemison, Anna M. Schein, Irving Powless Jr., Treaty of Canandaigua 1794: 200 Years of Treaty Relations Between the Iroquois Confederacy and the United States. Clear Light Publishing, 2000. ISBN 1-57416-052-4

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]