Tharu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tharu
Tharu
Donne Tharu a pesca.
Luogo d'origine India India, Nepal Nepal
Popolazione 1 960 000 circa nel 2001
Lingua Tharu
Religione induismo, buddismo, animismo

I Tharu sono una tribù di lingua indo-ariana presente nel Nepal meridionale. Sono stanziati nelle vicinanze del Royal Chitwan national Park al confine con l'India, e nelle regioni indiane dell'Uttarakhand (circa 256.000) e dell'Uttar Pradesh (circa 84.000). Compongono il 6,6% della popolazione totale del Nepal.

L'87% della popolazione è induista, il 13% è invece buddista. I tharu sono un popolo di origine mongolica.

Un'abitudine tipica delle donne Tharu è la realizzazione di pitture rupestri.[1].

La società Tharu è organizzata per clan (Dangoura, Kathariya e Rana) ed ogni clan ha caratteristiche culturali proprie. I Tharu praticano una religione animista con elementi di culto degli antenati oltre che induismo e buddismo[2].

I Tharu sono stati per molto tempo una minoranza oppressa in Nepal, costretti in uno stato di servitù chiamato "Kamaiya"[3]che è stato abolito solo nel 2008. I Tharu si sostentano tramite la policoltura di cereali quali riso, grano, orzo e mais. Praticano anche la pesca tramite particolari reti tradizionali[4].

I Tharu si sono adattati alle zone forestali da loro abitate e con il passare del tempo hanno sviluppato una resistenza naturale ad alcune malattie, come la malaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tharu Tribal Arts and Culture.
  2. ^ Serge-André Lemaire, Le peuple tharu in zonehimalaya.net. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  3. ^ Népal : l'ONU demande l'amélioration des conditions de vie des serfs affranchis in un.org, 2011. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  4. ^ Peuple de ma région… in deepakp.unblog.fr. URL consultato il 1º novembre 2014.