Terremoto di Concepción del 1835

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 38°14′24″S 73°03′00″W / 38.24°S 73.05°W-38.24; -73.05

Terremoto di Concepción del 1835
Data 20 febbraio 1835
Ora 11:30 (UTC)
Magnitudo momento 8,5
Epicentro Concepción (Cile)
Nazioni colpite Cile
Tsunami
Vittime 80 (tra morti e scomparsi) e 500 feriti.

Il terremoto di Concepción del 1835 fu un evento catastrofico che si è verificato nella zona centro-sud del Cile il 20 febbraio 1835 alle 15:30 ora locale. Ebbe una magnitudo estimata di 8,5 Ms e una durata all'incirca due minuti.

Il sisma provocò la distruzione di quasi tutte le costruzione della città di Concepción compresse la cattedrale, le chiese e gli edifici del governo locale, e la morte di almeno 50 persone. In mare, al largo il terremoto innescò uno tsunami che interessò una vasta zona, e causò la distruzione del porto di Talcahuano, con onde alte tra 7 e 24 metri. [1]. Le onde sono state segnalate lungo la costa da Copiapó a nord all'isola di Chiloé a sud, su una distanza di oltre 1.600 km.

Durante il Secondo viaggio del HMS Beagle l'evento fu avvertito dal naturalista inglese Charles Darwin, chi si trovava a Valdivia distante 340 km in linea d'aria dal epicentro. Secondo le sue parole: "il più forte terremoto che i più vecchi abitanti [della città] ricordano".[2]. Visitando le città di Concepción e Talcahuano alcune settimane più tardi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tsunami Event
  2. ^ Charles Darwin, testimone diretto del terremoto in Cile | Scienza in Rete
Catastrofi Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catastrofi