Terremoto del Cile del 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terremoto del Cile del 2010
Epicentro del terremoto del 27 febbraio 2010
Epicentro del terremoto del 27 febbraio 2010
Data 27 febbraio 2010
Ora 06:34:17 (UTC)
Magnitudo momento 8,8
Profondità 35 km
Epicentro Cile centrale, Regione del Maule, Regione del Bío Bío
35°50′45.6″S 72°43′08.4″W / 35.846°S 72.719°W-35.846; -72.719
Nazioni colpite Cile Cile
Intensità Mercalli IX
Tsunami Sì, sulla maggioranza delle coste pacifiche
Vittime 521 morti identificati, 52 dispersi[1]

Il terremoto in Cile del 2010 è stato un evento sismico verificatosi a largo della costa del Maule in Cile il 27 febbraio 2010 alle ore 3:34 locali, (6:34 UTC) con una magnitudo di 8,8 Mw durato per circa tre minuti[2][3]. È stato il più forte terremoto che ha colpito il Cile dal 1960 (9,5 Mw, il più forte mai registrato), e il più forte al mondo dal Maremoto dell'Oceano Indiano del 2004. Il sisma ha liberato un'energia 1.000 volte maggiore rispetto al terremoto di Haiti dello stesso anno[4] ed è stato 30.000 volte più potente del terremoto dell'Aquila del 2009[5].

Gli scienziati della NASA hanno appurato che il terremoto è stato così potente che ha spostato l'asse di rotazione terrestre di 2,7 millisecondi di arco, pari a 8 centimetri e di conseguenza ha accorciato la durata delle giornate: il cambiamento, seppur minimo, sarebbe permanente, con una riduzione di 1,26 microsecondi della durata del giorno[6][7][8].

Le città che maggiormente hanno avvertito la scossa (IX grado della scala Mercalli, rovinosa) sono state Talcahuano, Arauco, Lota, Chiguayante, Cañete e San Antonio[9]. Nella capitale Santiago del Cile il sisma è stato avvertito con una forza pari al VIII grado della scala Mercalli, distruttiva. Il sisma è stato anche percepito in molte città argentine come Buenos Aires, Córdoba, Mendoza e La Rioja. L'allerta tsunami ha interessato ben 53 paesi. Il presidente Michelle Bachelet ha dichiarato lo "stato di catastrofe". I morti accertati ed identificati per il sisma sono 452, mentre i dispersi 52[1]. Due milioni gli sfollati.

L'epicentro è stato calcolato nell'oceano Pacifico, a largo della costa di Maule; a circa 97 km a nord-nordovest dalla città di Chillán e a 115 km nord-nordest dalla seconda città cilena per abitanti, Concepción. Il terremoto ha generato una sessa nel lago Pontchartrain, a nord di New Orleans (USA), che si trova a circa 7600 km di distanza dall'epicentro[10].

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La placca di Nazca slitta sotto quella sudamericana generando fenomeni sismici e vulcanici

Il sisma si è verificato lungo la linea di contatto tra la placca di Nazca e quella sudamericana, in un punto dove la prima si converge di circa 80 mm/anno. Il terremoto è stato generato dalla forte spinta causata dalla subduzione della placca di Nazca con la placca sudamericana.

La costa cilena è da sempre interessata da terremoti indotti da subduzione di placche, come il Grande Terremoto Cileno del 1960. Più recentemente la costa è stata interessata da un terremoto di 7,7 Mw che ha interessato la regione di Antofagasta nel Cile settentrionale.

Il segmento della spaccatura è stato stimato in una lunghezza di oltre 700 km, situato immediatamente a nord della spaccatura di 1000 km che generò il terremoto del 1960[11].

Scosse di assestamento[modifica | modifica wikitesto]

Una scossa di assestamento di 6,2 Mw è stata registrata 20 minuti dopo la principale[12]. Alle ore 00:00 UTC del 1º marzo erano state registrate più di 100 scosse di assestamento, incluse otto con magnitudo superiore ai 6,0 gradi. Anche nei giorni successivi si sono avute scosse tra il quinto e il sesto grado.

Un terremoto sottomarino di 6,9 Mw è stato registrato circa 90 minuti dopo la scossa iniziale a circa 300 km a sud-ovest dall'epicentro della precedente, ma non è chiaro se correlato al terremoto principale. L'11 marzo 2010 tre scosse rispettivamente di magnitudo 6.9 (MW 7.2), 6.7 (MW 6.9) e 6.0 colpiscono la zona di Valparaiso. Gli eventi sono stati avvertiti in gran parte del Cile con nuovo allarme tsunami per alcune isole del Pacifico revocato alcune ore dopo l'evento più forte.

Danni e vittime[modifica | modifica wikitesto]

Il museo d'arte contemporanea a Santiago del Cile

Nella capitale, Santiago del Cile, i danni sono stati evidenti con alcuni edifici crollati, linee elettriche saltate e vari incendi causati dai crolli. Questo secondo un cameraman della Associated Press Television News[13]. L'aeroporto internazionale della capitale ha riportato alcuni danni ed è rimasto chiuso alle operazioni di volo per circa tre giorni[14]. Ben tre ospedali risultano compleatamente crollati. Anche il Museo Nazionale delle Belle Arti ha riportato gravi danni.

A Concepción sono crollati edifici e sono scoppiati incendi. I mezzi di soccorso hanno incontrato difficoltà ad entrare nel centro cittadino a causa del crollo di diverse infrastrutture. Un edificio, denominato "Alto Río", alto 15 piani si è accasciato orizzontalmente al suolo, intrappolando molti degli inquilini. L'area metropolitana di Gran Concepción è stata anche colpita direttamente dalle onde dello tsunami. Un'onda di 2,34 m si è abbattuta sul porto della conubarzione, Talcahuano, causando gravi danni alle attrezzature portuali e alle barche ormeggiate.

In Cile sono rimasti danneggiati dal sisma circa 500.000 edifici[15], sono state identificate 451 vittime e ci sono stati 52 dispersi.[1]

Aiuti umanitari[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio il presidente cileno Michelle Bachelet dichiarò in una conferenza stampa di non aver bisogno di aiuti internazionali[16]. Leader di vari paesi e organizzazioni internazionali, come l'ONU o l'Unione Europea hanno prontamente inviato al governo cileno messaggi di solidarietà e di condoglianze. Argentina, Stati Uniti d'America, Regno Unito, Cina, Singapore, Haiti e Pakistan sono stati i primi paesi che hanno voluto far sapere la loro eventuale attività d'aiuto.

Caos e disordini[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi crollati a Concepción

Quasi la metà della regione cilena è stata dichiarata Zona di Catastrofe ed è stato ordinato il coprifuoco in alcune aree, per evitare disordini. Il giorno dopo il sisma alcune città erano in stato di caos, molti supermercati sono stati presi d'assalto dalla popolazione. Per controllare i saccheggi il GOPE, un nucleo di forze speciali dei carabinieri cileni autorizzato dal governo, ha usato lacrimogeni e cannoni ad acqua[17]. Questa e altre azioni governative sono state pressoché inutili. Ben 160 persone sono state arrestate a Concepción tra il 1° e il 2 marzo. Soltanto il successivo invio di 14.000 militari nella città è riuscito a riportare l'ordine.

Tsunami[modifica | modifica wikitesto]

È stata anche lanciato un allarme tsunami per le coste del Cile e del Perù, poi esteso alle coste di Ecuador, Colombia, Antartide, Panamá e Costa Rica[12], ed infine a tutte le coste pacifiche, ad eccezione di quelle di statunitensi e canadesi. Alle isole Hawaii le sirene hanno suonato l'allarme alle ore 6:00 locali.

L'allarme tsunami è stato poi definitivamente cancellato per tutti i paesi, tranne Giappone e Russia, alle ore 00:12 (UTC) del 28 febbraio 2010[18].

In linea generale la maggioranza delle onde previste come potenzialmente pericolose, si sono rivelate deboli[19].

Le onde più alte sono state registrate a Pichilemu (Cile, 3,04 m.), Talcahuano (Cile, 2,34 m.), Hiva Oa (Polinesia francese, 1,79 m.), Coquimbo (Cile, 1,32 m.) ed a Valparaíso (Cile, 1,29 m.). Probabilmente, dati i danni su alcune coste colpite, come nelle Isole Juan Fernández, le onde hanno raggiunto localmente i 5 metri.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Lista vittime e dispersi - Ministero dell'Interno Cileno
  2. ^ Terremoto in Cile, forte rischio tsunami in Corriere della Sera, 27 febbraio 2010.
  3. ^ L'evento sul sito dell'USGS
  4. ^ Forte terremoto devasta il Cile in TGcom, 27 febbraio 2010.
  5. ^ http://www.altroquotidiano.it/ Terremoto in Cile provoca tsunami. Centinaia i morti
  6. ^ Terremoto in Cile, asse terrestre si sposta in Vip.it, 03 marzo 2010.
  7. ^ Il terremoto in Cile ha accorciato la durata del giorno e spostato l'asse terrestre in Corriere della Sera, 03 marzo 2010.
  8. ^ Cile: il terremoto ha spostato l'asse terrestre in Agenzia GRT, 03 marzo 2010.
  9. ^ L'evento sul sito dell'USGS
  10. ^ (EN) "How strong & rare was quake?"
  11. ^ (EN) Underwater Plate Cuts 400-Mile Gash in The New York Times, 27 febbraio 2010.
  12. ^ a b (EN) Massive earthquake strikes Chile in BBC, 27 febbraio 2010. URL consultato il 28/02/2010.
  13. ^ (EN) 8.8-magnitude earthquake hits central Chile in Associated Press, 27 febbraio 2010.
  14. ^ (EN) Massive earthquake hits Chile, 214 dead in Reuters, 27 febbraio 2010.
  15. ^ (EN) Da MarketWatch.com
  16. ^ (ES) Bachelet descartó tsunami, y dijo que no necesita ayuda internacional in ImpulsoBaires.com.ar, 27 febbraio 2010. URL consultato il 04/03/2010.
  17. ^ Cile, ancora scosse. Oltre 700 morti. in Corriere della Sera, 1° marzo 2010. URL consultato il 04/03/2010.
  18. ^ (EN) Bollettino allerta tsunami del PTWC
  19. ^ Sisma in Cile, centinaia sotto le macerie, Hawaii: debole tsunami, l'allarme resta in Corriere della Sera, 27 febbraio 2010. URL consultato il 02/03/2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Catastrofi Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catastrofi