Tabita (Bibbia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Tabita
La resurrezione di Tabita di Masolino da Panicale (Cappella Brancacci, Firenze)
La resurrezione di Tabita di Masolino da Panicale (Cappella Brancacci, Firenze)
Nascita I secolo
Morte I secolo
Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa ortodossa
Ricorrenza 25 ottobre[1][2]
Patrono di Sarti[2]

Tabita (o Tabitha), chiamata anche Dorcas, era una discepola di Gesù, la cui vicenda è citata negli Atti degli Apostoli (versetti 9,36-42). La Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa la commemorano come santa il giorno 25 ottobre[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La santa in una vetrata a Mytholmroyd

Secondo il racconto biblico, era una sarta di Giaffa, rinomata per la sua bontà e per le sue opere caritatevoli[1][2]. Ad un certo punto, Tabita si ammalò e morì: gli altri discepoli, saputo che Pietro si trovava nella vicina città di Lidda, lo mandarono a chiamare[1][2].

Giunto presso la casa di Tabita, Pietro incontrò delle altre vedove in lacrime, che gli mostrarono gli abiti che la donna usava far loro[1][2]. L'apostolo si mise a pregare, in solitudine, nella stanza dov'era stata lasciata Tabita, e le disse "Tabita, alzati!": quando ebbe detto queste parole, la donna resuscitò[1][2].

Questo miracolo portò alla conversione di molte persone del luogo[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Santa Tabìta di Ioppe, Santi, beati e testimoni. URL consultato il 02-08-2013.
  2. ^ a b c d e f g h (EN) St Tabitha the Widow, raised from the dead by the Apostle Peter, Orthodox Church in America. URL consultato il 02-08-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]