Shale (roccia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Un frammento di shale

Con la parola inglese shale si indica in geologia una roccia sedimentaria[1] composta principalmente da fango con l'aggiunta di minerali argillosi e frammenti di altri minerali quali quarzo e calcite[2]. Il rapporto fra l'argilla e gli altri minerali è variabile. La shale sedimentologicamente è una pelite caratterizzato dalla fissilità, ossia la proprietà di fessurarsi e rompersi parallelamente alla stratificazione in lamine sottili, acquisita durante la sua litificazione.

Il fango indurito, d'altra parte, è simile per composizione ma non per fissilità. La shale, se ricca in materia organica, una volta decomposta anaerobicamente durante la diagenesi, può dare luogo ai giacimenti di shale gas[3], sfruttabili commercialmente per produrre metano.

Nella petrofisica dei reservoir detritici, col termine shale vengono indicati quei livelli ricchi o composti esclusivamente da sedimenti fini, argillosi, con scarsa o nulla porosità efficace, permeabilità al di sotto dei limiti di economicità in contrapposizione al termine "poroso" con cui si indicano i livelli composti da sedimento clastico con buona porosità e permeabilità.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi Angela Carusone, Luca Olivetta, Thesaurus Italiano di Scienze della terra APAT Roma, 2006
  2. ^ vedi etimo a pag. 464 in Giuseppe Bolondi, Glossario dell'Industria Petrolifera, ENI Corporate University, 2002
  3. ^ Idrocabolario