Sante Lombardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sante Lombardo (Solari) (Venezia, 1504Venezia, 1560) è stato uno scultore e architetto italiano.

La facciata della Scuola di San Rocco.

Figlio di Tullio, nel 1524, diventa protomastro della Scuola Grande di San Rocco. Nel 1535 realizza un altare per la chiesa di San Felice a Venezia. Partecipa alla costruzione del Palazzo Malipiero Trevisan. Fra il 1536 ed il 1548 progetta e dirige i lavori di costruzione della Chiesa di San Giorgio dei Greci.

Chiesa di San Giorgio dei Greci.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pietro Selvatico, Sulla Architettura e sulla Scultura in Venezia dal Medioevo sino ai nostri giorni. Studi di P. Selvatico per servire di guida estetica, Venezia 1847, 205-208;
  • Pietro Paoletti, L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia.Ricerche storico artistiche, II, Venezia 1893-1897, 113, 135, 252-255;
  • Andrea Moschetti, Lombardo, Sante, in Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler, (a c. di) U. Thieme-F. Becker, Lipsia, XXIII, 1910, 344;
  • Sarah Blake Mc Ham, Sante Lombardo, in The Dictionary of Art, 19, New York, 1996, 560-561;
  • Manfredo Tafuri, Venezia e il Rinascimento. Religione, scienza, architettura, Venezia 1985, 132-134;
  • Gianmario Guidarelli, Sante Lombardo e la costruzione della facciata meridionale della Scuola Grande di San Rocco a Venezia, 1524-1527, in Venezia Cinquecento, 14, 2004, 5-221;
  • Anne Markham Schulz, Il problema della scultura tarda di Tullio Lombardo, in Prospettiva, 115/116, 2004, 42-65;
  • Matteo Ceriana, Tullio Lombardo, in Dizionario biografico degli italiani, 65, Roma 2005, 530-539.
  • Marcello Brusegan, Le chiese di Venezia, Newton Compton, 2008.
  • Massimo Ambrosetti, Tullio e Antonio Lombardo, in LaCittà, Lugano settembre 2008, 50.
  • Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Venezia nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dalla metà del Quattrocento ad oggi; Laura Damiani Cabrini, Caratteri di un'affermazione. Scultori e architetti dei "Laghi Lombardi" a Venezia nel Quattrocento, 64-71; T. Tagliabue, Pietro Lombardo a Venezia. L'ordine come ornamento, 72-83; Idem, Pietro Lombardo (Carona 1435?-Venezia 1515), 84-89; Alba Scapin, Pietro, Tullio e Antonio Lombardo. I monumenti funebri dei dogi nella chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, 90-97; I. Turretta, Antonio Lombardo (1458-1516), 98-103; Idem, Tullio Lombardo (1455-1532), 104-110, in Arte&Storia, a. 8. n. 40, Lugano settembre-ottobre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 13425475