Salterio di Parigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il profeta Isaia attorniato dalla notte e dall'Aurora

Il Salterio di Parigi è un codice miniato, di origine bizantina, composto di 449 pagine e 14 miniature, conservato presso la Bibliothèque nationale de France a Parigi con il codice « MS Grec 139 ».

Per il suo «stile quasi classico» e la sua qualità, insieme alle Omelie di Gregorio Nazianzeno è considerato un'opera chiave del rinascenza macedone nell'arte bizantina[1].

Il soggetto è una copia di un'opera antica[2], ciononostante secondo Adolfo Venturi è la testimonianza di un vero fiorire dell'arte classica (...) nella seconda età d'oro bizantina[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kurt Weitzmann, Gli affreschi di S. Maria di Castelseprio, Rassegna storica del Seprio, fasc. 9-10, 1949-50, pp.12-27
  2. ^ Massimo Bernabò, Ossessioni bizantine e cultura artistica in Italia, Liguori, Napoli, 2003, p.67
  3. ^ Adolfo Venturi, Storia dell'arte italiana, 11 vol., Milano, 1901-1940, vol 2 pp.478-485

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura