Salomon Vredeman de Vries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Salomon Vredeman de Vries (Mechelen, 1556 circa – L'Aia, 1604) è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Poco si conosce della vita e delle opere di quest'artista, figlio di Hans Vredeman de Vries e fratello maggiore di Paul[1].

L'unica informazione che ci è giunta è che, nel 1602, si trovava a Utrecht per lavorare alla decorazione dell'organo del duomo[1]: il 14 agosto assieme a Adam Willaerts firmò il contratto relativo a questa commissione[2]. L'accordo specificava che l'interno delle ante dell'organo dovesse rappresentare una chiesa in prospettiva con le figure di Davide con la sua arpa e di Santa Cecilia con un organo[2]. L'esterno della custodia dell'organo era stata decorata a grottesche, in cui era specializzata la famiglia Vredeman de Vries, mentre internamente alle piccole ante presumibilmente Adam Willaerts aveva dipinto un paesaggio con rovine[2].

Salomon Vredeman de Vries dipinse quasi esclusivamente architetture[1] e collaborò col padre assieme al fratello Paul[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]