Salle Pleyel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salle Pleyel
Salle Pleyel 2.jpg
La Salle Pleyel.
Ubicazione
Stato Francia Francia
Località Parigi
Indirizzo 252, rue du faubourg Saint-Honoré (Parigi)
Dati tecnici
Tipo Auditorium
Fossa SI
Capienza 1.913 posti
Realizzazione
Costruzione 18 ottobre 1927
Architetto Gustave Lyon
[www.sallepleyel.fr]

La Salle Pleyel è una sala per concerti sinfonici sita nell'VIII arrondissement di Parigi, nei pressi di place de l’Étoile, e venne inaugurata nel 1927. Dal mese di settembre 2006, è sede dell'Orchestre de Paris e dell'Orchestre Philharmonique de Radio France.

Costruita in stile art déco, essa è considerata una delle grandi sale da concerto del XX secolo ed un « passaggio obbligato per i musicisti famosi a livello mondiale »[1]. Essa ha contribuito all'animazione della vita musicale di Parigi accogliendo circa 25 milioni di spettatori che hanno presenziato ad oltre 20.000 concerti[2][3] Più volte rinnovata, ha riaperto nel settembre 2006 dopo quattro anni di chiusura.

Essa è l'unico auditorium costruito specificamente per la musica sinfonica a Parigi. Gli altri concerti hanno luogo alla Salle Olivier-Messiaen de la maison de Radio France e alla Salle Gaveau, e per formazioni più piccole anche al Théâtre des Champs-Élysées e al Théâtre du Châtelet.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La vecchia Salle Pleyel[modifica | modifica wikitesto]

La Salle Pleyel origina dalle due sale da concerto precedentemente costruite da Camille Pleyel, figlio di Ignace Pleyel, fondatore nel 1807 della celebre fabbrica di pianoforti Pleyel.

Un salone con circa 150 posti, esso venne aperto nel gennaio del 1830 al nº 9 di rue Cadet, nel IX arrondissement di Parigi. Accolse i grandi pianisti del tempo come Fryderyk Chopin nel 1832 e Franz Liszt nel 1833.

La prima Salle Pleyel venne costruita nel 18381839 al nº 22 di rue Rochechouart, a fianco della fabbrica di pianoforti, ed inaugurata nel dicembre 1839. In questa sala dotata di 550 posti, avevano luogo concerti per pianoforte e per orchestra da camera che occupavano uno spazio importante nella vita musicale parigina del XIX secolo. Fra i numerosi grandi musicisti che vi si sono esibiti, si ricordano Chopin che diede qui il suo ultimo concerto nel 1848, e, fra gli altri, il debutto di Camille Saint-Saëns, all'età di 11 anni nel maggio 1846, di César Franck, di Anton Rubinstein etc.. In questa sala sono state realizzate le seguenti prime esecuzioni[4]:

Programmazione[modifica | modifica wikitesto]

Interno

Dall'autunno 2006, la Salle Pleyel è divenuta la sede delle seguenti orchestre:

  • Orchestre de Paris, che tiene qui tutta la sua stagione concertistica il mercoledì ed il giovedì, per un totale di circa cinquanta concerti per anno con circa trenta programmi diversi;
  • Orchestre Philharmonique de Radio France, tiene alla Salle Pleyel circa venti concerti l'anno normalmente il venerdì.

La London Symphony Orchestra ha firmato una convenzione che prevede, per la durata di tre anni, l'esecuzione di tutti i suoi concerti parigini con quattro o cinque programmi per stagione.

Nel corso dell'anno la sala accoglie anche altre orchestre fra le quali si ricordano :

  • l’Orchestre Pasdeloup, l’Orchestre Colonne, l’Orchestre national d'Île-de-France, l’Orchestre du Conservatoire national supérieur de musique et de danse de Paris e l’Orchestre national du Capitole de Toulouse;
  • alcune orchestre regionali;
  • produzioni pubbliche di Radio France o il Festival d'automne à Paris;
  • concerti organizzati da istituzioni private;
  • altre orchestre straniere, una quindicina negli anni 2006–2007, e qualcuna di più nelle stagioni seguenti.

Oltre ai concerti sinfonici, che costituiscono la maggior parte della sua produzione, la Salle Pleyel accoglie dei recital vocali, musica da camera e concerti di musica jazz. In totale vengono realizzati circa centocinquanta spettacoli per anno, di cui la metà assicurati dalle tre orchestre residenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jean-Jacques Trinques, Le Piano Pleyel d'un millénaire à l'autre, Trinques, 2003 p. 147
  2. ^ "Le Monde de la musique 04/2006", La nouvelle Salle Pleyel : le moment de vérité », nº 308, aprile 2006, p. 53
  3. ^ Pdf
  4. ^ Fonte : Base de données Brahms da l’Institut de recherche et coordination acoustique/musique

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 48°52′37.18″N 2°18′03.73″E / 48.876994°N 2.301036°E48.876994; 2.301036