Regionalizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La regionalizzazione è un metodo analitico finalizzato alla suddivisione dello spazio geografico in regioni. Sul piano dell'analisi, il risultato di tale processo è l'individuazione delle unità territoriali minori all'interno dell'area su cui si opera la suddivisione[1][2].

Come criterio generale, la delimitazione delle singole regioni avviene in base alla individuazione di caratteri comuni. Questi possono essere caratteri fisici (concernenti orografia, idrografia), caratteri culturali (adozione di specifici tratti culturali o idiomi), caratteri socio-economici (produzione agricola o industriale, reddito), o una combinazione di questi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calogero Muscarà, Il concetto di regione nel pensiero geografico del XX secolo in Semestrale di studi e ricerche di geografia, Università degli studi di Roma "la Sapienza", Facoltà di Lettere e Filosofia, Istituto di Geografia, nº 2, dicembre 2001.
  2. ^ Adalberto Vallega, La regione della geografia, la geografia della regione in La regione, sistema territoriale sostenibile, 2ª ed., Milano, Mursia, 2001, ISBN 88-425-1840-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]