Popobawa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il popobawa è un criptide che sarebbe stato avvistato a Pemba, nell'arcipelago di Zanzibar (Tanzania) a partire dal 1972.

Mappa delle Isole delle spezie (Zanzibar, Pemba, Mafia)
Mappa dell'isola di Pemba

Il nome popobawa, in swahili, significa "ali di pipistrello". Viene descritto come una creatura di bassa statura, molto robusto, con ali simili a quelle dei pipistrelli, artigli, con testa di scimmia e un solo occhio. Assalirebbe gli esseri umani per sottoporli a violenza sessuale (senza far distinzione tra maschi e femmine).

L'apice delle sue apparizioni sarebbe avvenuto nel 1980 e nel 1985; una nuova serie di aggressioni (ben 27, a 16 donne e 11 uomini, di età compresa tra i 12 e i 70 anni) sarebbero state segnalate nel luglio del 1997.

Poiché questo essere vivente sembra essere incrociato con tre genere di mammiferi, pipistrello, scimmia e uomo, farebbe pensare ad un ignoto esperimento genetico.

Le smentite[modifica | modifica sorgente]

  • Il Popobawa fu studiato dal documentario americano “Destination Truth”, dove fu notata una coincidenza, ossia il periodo degli attacchi e degli avvistamenti si collegava alle elezioni di Zanzibar. L’avventuriero americano Josh Gates scrisse sul sito Web accusando il partito di opposizione di sfruttare le credenze superstiziose, per includere terrore tra la popolazione a scopi politici, ritenendo infine il Popobawa uno strumento elettorale e non una minaccia da temere[1]. A rinforzare questa tesi furono gli abitanti della Tanzania, il quale dichiararono che il Popobawa appare durante l’elezioni, come avvenne anche nelle elezioni generali del 1995 e del 2000[2].
  • Secondo il CSICOP il Popobawa sarebbe solo una forma zanziberiana per spiegare il fenomeno psicologico che viene denominato “Illusione ipnagogica” il quale provocherebbe sensazioni di appesantimento, di paralizzazione, e anche di galleggiare o sentirsi fuori dal corpo, dipende dal tipo di sogno[3].
  • Secondo un articolo della BBC risalente al 2007, in Tanzania è diffusa la credenza sulla superstizione e sulla stregoneria, queste credenze sono sostenute soprattutto nelle zone rurali[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Salem news, 31/10/2008 EN
  2. ^ BBC news, 19/07/2001 EN
  3. ^ CSICOP, Dicembre 1995 EN
  4. ^ BBC news, 21/02/2007 EN

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali