Pilot ACE

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Console del computer
Vista d'insieme del computer
Dettaglio dei tubi a vuoto

Il Pilot ACE fu il primo computer costruito nel Regno Unito, venne sviluppato presso il National Physical Laboratory (NPL) verso la fine degli anni quaranta

Il computer fu sviluppando semplificando il progetto dell'Automatic Computing Engine sviluppato da Alan Turing. Dopo l'abbandono di Turing dell'NPL (in parte per i lenti progressi nella costruzione dell'ACE) James H. Wilkinson diresse il progetto con l'aiuto di Harry Huskey peer la progettazione. Il Pilot ACE eseguì il primo programma il 10 maggio 1950 e venne presentato alla stampa nel dicembre 1950.

Sebbene fosse stato sviluppato come prototipo apparve subito chiaro la macchina poteva essere utilizzata proficuamente soprattutto considerando che nel Regno Unito non esistevano altri computer funzionanti. Dopo alcuni aggiornamenti tesi a rendere il sistema usabile il computer iniziò a funzionare a pieno regime nel 1951 e venne molto utilizzato negli anni successivi.

Il sistema era formato da circa 800 valvole termoioniche e utilizzava memorie a linee di ritardo a mercurio. La memoria inizialmente aveva una capacità di 128 parole di 32 bit ma in seguito venne espansa a 2522 parole. Una memoria a tamburo da 4096 parole venne aggiunta nel 1954. Il computer aveva un clock di un megahertz, una frequenza elevata per un computer degli anni 50. La velocità di esecuzione delle istruzioni dipendeva molto da dove erano memorizzate (per via delle memoria a linea di ritardo) e variava da 64 microsecondi a 1024 microsecondi.

Della macchina ne venne realizzata una versione commerciale chiamata DEUCE che venne costruita e venduta dalla English Electric.

Il PIlot ACE venne dismesso nel maggio del 1955 e venne posto nel Science Museum dove si trova attualmente.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • James H. Wilkinson, Turing's Work at the National Physical Laboratory and the Construction of Pilot ACE, DEUCE and ACE (in Nicholas Metropolis, J. Howlett, Gian-Carlo Rota, (editors), A History of Computing in the Twentieth Century, Academic Press, New York, 1980)
  • Martin Campbell-Kelly, Programming the Pilot ACE (in IEEE Annals of the History of Computing, Vol. 3 (No. 2), 1981, pp. 133–162)
  • B. Jack Copeland (editor), Alan Turing's Automatic Computing Engine. Oxford University Press, 2005 (ISBN 0-19-856593-3)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Simon H. Lavington, Early British Computers: The Story of Vintage Computers and The People Who Built Them (Manchester University Press, 1980)
  • David M. Yates, Turing's Legacy: A History of Computing at the National Physical Laboratory, 1945–1995 (Science Museum, London, 1997, ISBN 0-901805-94-7)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica