Penisola di Boothia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le penisole di Boothia e Melville nel Nunavut, Canada

La penisola di Boothia è un grande penisola del territorio canadese del Nunavut, a sud dell’isola di Somerset.

La parte settentrionale del promontorio di Murchison, è il punto più settentrionale della terraferma canadese, e, quindi, del Nord America. Ha una superficie di 32.331 km²[1].

A nord la separa dall’isola di Comerset lo stretto Bellot (Ikirahaq). La baia di Babbage è sulla costa orientale, come la baia di Abernethy, appena più a sud. La baia di Paisley è sulla costa occidentale.

La penisola è stata nominata dell’esploratore scozzese John Ross nel 1829, in onore di Felix Booth, che aveva finanziato la sua seconda spedizione. Ross vi incontrò una grande comunità Inuit.

Polo Nord magnetico[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 1831 la prima spedizione ad aver raggiunto il polo nord magnetico, fu diretta da James Clark Ross che lo individuò a capo Adelaide sulla penisola di Boothia. Successivamente nel 1903 Roald Amundsen lo individuò in una posizione leggermente diversa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://au.encarta.msn.com/encyclopedia_761559592/boothia_peninsula.html
Canada Portale Canada: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Canada