Open Web Application Security Project

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Open Web Application Security Project (chiamato semplicemente OWASP), è un progetto open-source per la sicurezza delle applicazioni. Fu avviato il 9 settembre 2001[1] da Mark Curphey, Dennis Groves e Jeremiah Grossman[2]. L' OWASP offre anche guide con consigli sulla creazione di applicazioni Internet sicure, e indicazioni per i test a cui andrebbero sottoposte.[3] È stato anche pubblicato un WebGoat, un progetto che insegna sicurezza sulle applicazioni web.[4]

Nel 2004 fu istituita una fondazione no-profit che supporta l'OWASP, che persegue l'obiettivo di aumentare la sicurezza delle applicazioni consentendo di prendere le decisioni in base ai rischi.[5] In Europa è un'organizzazione no-profit registrata a partire da giugno 2011; è presente anche in Italia.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Caroline Wong, Security Metrics, 2011, 397 pagine, The McGraw-Hill Companies, ISBN 978-0-07-174401-0 (consultabile anche online)
  2. ^ CIO, 132 pagine, 2003 (consultabile anche online)
  3. ^ Paco Hope, Ben Walther, La sicurezza delle applicazioni Web, 2009, 328 pagine (consultabile anche online)
  4. ^ Alessandro Sinibaldi, La guida del Sole 24 Ore alla creatività e all'innovazione, 2012, 328 pagine, Gruppo Il Sole 24 ORE
  5. ^ a b Alfredo Avellone, Ercole Colonese, Mario Cislaghi, Collaudo e qualità del software, 2010, 330 pagine, UNI Service

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • OWASP, A Guide to Building Secure Web Applications, OWASP report, 2002.
  • Users Staff, Hacking, Fox Andina, 2011, p. 192 ISBN 978-987-1773-03-9 (pp. 160-163)
web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di web