Ole Chiudigliocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ole Chiudigliocchi
Titolo originale Ole Lukoie
Autore Hans Christian Andersen
1ª ed. originale 1841
Genere fiaba
Lingua originale danese
Protagonisti Ole Chiudigliocchi
Coprotagonisti Hjalmar
« In tutto il mondo non c'è nessuno che sappia tante storie quante ne sa Ole Chiudigliocchi. E come le sa raccontare! »
(Ole Chiudigliocchi, incipit)
Illustrazione di Vilhelm Pedersen per Ole Chiudigliocchi (Ole Lukøje)

Ole Chiudigliocchi (titolo originale: Ole-Lukøie, 1841) è una fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen. La fiaba è stata pubblicata per la prima volta il 20 dicembre 1841, inserita nella raccolta di fiabe Eventyr fortalte for Børn. Ny Samling. Tredie Hefte. 1842. (Fiabe raccontate ai bambini. Nuova raccolta. Terzo tomo. 1842.).[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ole Chiudigliocchi è un personaggio buono che concilia il sonno dei bambini, dapprima spruzzando con la sua siringa magica negli occhi di questi un po' di latte e, dopo, soffiando loro sul collo. Una volta che i bambini si sono addormentati, Ole Chiudigliocchi si siede ai piedi dei loro letti e inizia, finalmente, a raccontare le sue storie.

Porta sempre con sé, oltre la siringa magica, due ombrelli: uno tutto disegnato che apre sulla testa dei bambini che sono stati buoni, in modo che questi facciano sogni bellissimi, un altro senza disegni che, invece, apre sui bambini che sono stati cattivi, in modo che questi dormano di un sonno privo di sogni.

Ole Chiudigliocchi si reca da un bambino di nome Hjalmar per una settimana e, sera dopo sera, dal lunedì alla domenica, non appena questi si addormenta, racconta lui sette storie, una per ogni giorno. Di sera in sera e di sogno in sogno addobba la stanza del piccolo Hjalmar di bellissimi fiori e frutti, dà vita ai mobili con un sol tocco della sua siringa magica e consente al piccolo di entrare in un quadro e di viverlo, porta il bambino per mare su di una splendida nave, lo rimpicciolisce e gli fa vestire l'uniforme del soldatino di piombo in modo che possa presenziare al matrimonio di due topolini sotto il pavimento della dispensa di casa e poi, la sera successiva, al matrimonio di due bambolotti di sua sorella.

Al sabato Ole Chiudigliocchi ha un piccolo diverbio col ritratto del bisnonno di Hjalmar, che lo accusa di confondere le idee del suo piccolo nipote con le sue fantasticherie. Alla sera della domenica, infine, Ole Chiudigliocchi fa affacciare Hjalmar dalla finestra e gli mostra il suo omonimo fratello: Ole Chiudigliocchi, chiamato Morte.

Questo Ole Chiudigliocchi non si reca mai due volte da una stessa persona e, a seconda dei meriti e dei demeriti dei soggetti che prende con sé sul suo cavallo, racconta storie tanto belle da non poter essere neppure immaginate o, all'inverso, storie talmente brutte e spaventose da non poter neppure essere raccontate ed ascoltate.

Ispirazione della fiaba[modifica | modifica wikitesto]

Nello scrivere Ole Chiudigliocchi Andersen si ispira al personaggio benevolo del Sandman, tipico della cultura popolare nordica e tedesca, portatore presso i bambini di buon sonno e di sogni d'oro. Il Sandman induce i bambini al sonno soffiando sabbia magica - laddove Ole Chiudigliocchi usa spruzzare latte con la sua siringa magica - sui loro occhi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hans Christian Andersen: Eventyr, fortalte for Børn. Ny Samling. Tredie Hefte. 1842.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]