Nocardiosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Nocardiosi
Nocardia Brain Autopsy.jpg
Nocardia presente in prelievo autoptico da cervello umano
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 039.9
ICD-10 (EN) A43

La nocardiosi è una infezione granulomatosa suppurativa di entità acuta o cronica, spesso disseminata, causata nella maggior parte dei casi da alcune specie del batterio aerobio Gram positivo Nocardia, batterio saprofita del terreno.

Modalità di trasmissione[modifica | modifica sorgente]

Il batterio penetra nell'organismo usualmente attraverso i polmoni, mentre più raramente il contagio avviene per via intestinale o attraverso lesioni sulla cute.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

La malattia è ubiquitaria, si presenta perciò in tutte le regioni del mondo e colpisce individui di ogni età e sesso, sebbene vengano colpiti soprattutto anziani e soggetti maschi.

La nocardiosi si presenta meno, rispetto ad altre patologie, nei pazienti affetti da AIDS. Anche se comunque l'immunodeficienza, dovuta ad esempio anche ad una terapia corticosteroidea, rappresenta un fattore che accompagna spesso alle infezioni.

Clinica[modifica | modifica sorgente]

Segni e sintomi[modifica | modifica sorgente]

La malattia si presenta come una infezione polmonare che, diffondendosi talvolta per via ematica, può causare ascessi a livello cerebrale. Gli ascessi cutanei si verificano raramente, mentre le lesioni polmonari causano tosse, brividi, dolore toracico e debolezza.

Esami di laboratorio e strumentali[modifica | modifica sorgente]

La malattia si diagnostica attraverso l'identificazione del batterio nelle colture di tessuti (o nell'espettorato o nel pus nelle quali sono visibili ife ramificate con la colorazione di Gram).

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

Se non curata, ha esito fatale. La maggior parte dei pazienti risponde lentamente alla terapia che, a base di sulfamidici, deve essere protratta per mesi.