Niamh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio, vedi Niamh (nome).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Nella mitologia irlandese e celtica), Niamh (si pronuncia [niəv] o [niv]) era figlia di Manannan mac Lir e regina di Tír na nÓg.

Niamh ed Oisín[modifica | modifica wikitesto]

Innamoratasi di Oisín, poeta e guerriero della Fianna figlio di Fionn mac Cumhail, andò in Irlanda sul suo destriero Embarr per rapirlo.

Benché profondamente innamorato di Niamh, ed affezionato ai due figli avuti da lei, Oscar e Plor na mBan, dopo tre anni a Tir na nÓg Oisín iniziò a sentire la mancanza della sua terra e decise di tornare a casa per rivedere i suoi cari. Niamh gli prestò Embarr, che poteva galoppare senza toccare terra, e gli fece promettere di non toccare mail il suolo.

I tre anni trascorsi a Tir na nÓg risultarono 300 in Irlanda, e quando Oisín toccò terra dopo essere caduto di sella, gli piombarono addosso facendolo invecchiare rapidamente. Nel frattempo Niamh, che aveva messo alla luce sua figlia, tornò in Irlanda a cercarlo, trovandolo morto.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella Marina irlandese una nave è stata chiamata LÉ Niamh (P52) in suo onore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(testi)

  • Antiche storie e fiabe irlandesi, a cura di M. Cataldi, 247 pgg, Einaudi 1985 (fuori catalogo)


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

(personaggi mitologici irlandesi)

(luoghi)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]