Musica albanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La musica albanese ha origini antiche, infatti veniva tramandata da padre in figlio solo per tradizione orale cioè non vi erano spartiti dai quali i giovani potevano attingere per la formazione musicale.

Ci sono vari tipi di generi musicali, che mostrano le numerose influenze; la musica tradizionale del folklore si differenzia rispetto alle regione con maggiori differenze stilistiche tra le musiche dei Gheg nel nord e i Toschi nel sud. La musica "popolare" cittadina si è sviluppata intorno alle città di Korça, Shkodra e Tirana. Uno dei festival più importanti per l'esibizione di musica tradizionale Albanese è il Festival Nazionale del Folclore di Argirocastra che si tiene ogni 5 anni. Dal 1920 è nata la musica classica albanese. Importante spazio hanno anche le kënge të lehta cioè canzoni leggere. Attualmente il genere musicale che sta riscuotendo molto successo in Albania è quello del rap.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Le dominazioni politiche, militari e culturali dell'Albania da elementi esteri hanno contribuito alla moderna scena musicale del paese. La musica albanese è una fusione di musiche del Sudest Europa, specialmente quelle dell'Impero Ottomano, che ha governato l'Albania per più di 500 anni. Comunque, il popolo Albanese ha mantenuto la vasta identità culturale lontano dal dominatore, anche vivendo in montagne e zone rurali e continuando a tramandare di generazione in generazione le diverse caratteristiche della propria musica.

Musica Folk[modifica | modifica wikitesto]

La musica folcloristica albanese si può dividere in tre gruppi stilistici, con altre aree musicali importanti e in qualche modo peculiari intorno alle città di Shkodër, Tirana e Korça; i gruppi sono i Gheg del nord e i meridionali Lab e Toschi. Le tradizioni contrastano nei toni "eroici e rudi" del nord e quelli "rilassati e raffinati" del sud. Questi stili disparati sono uniti "dall'intensità che entrambi danno alla loro musica come un mezzo di espressione patriottica e un veicolo portatore della narritiva della storia orale",[1] as well as certain characteristics like the use of rhythms such as 3/8, 5/8 and 10/8.[2] The first compilation of Albanian folk music was made by Pjetër Dungu in 1940.

Le canzoni del folclore albanese si possono dividere in grandi gruppi, le epiche eroiche del nord, le dolci melodie delle ninna nanne, le canzoni d'amore, la musica da matrimonio, le canzoni da lavoro e altri tipi. La musca dei vari festival e festività è anche un'importante parte, specialmente quelli che celebrano il Giorno dell'Estate, (Dita e Veres) per inaugurare la primavera. Le ninna nanne e i lamenti sono generalmente cantati da una donna.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Burton, Kim. "The Eagle Has Landed". 2000. In Broughton, Simon and Ellingham, Mark with McConnachie, James and Duane, Orla (Ed.), World Music, Vol. 1: Africa, Europe and the Middle East, pp 1-6. Rough Guides Ltd, Penguin Books. ISBN 1-85828-636-0. Burton nota che anche le ninna nanne contengono l'augurio che il bambino cresca forte
  2. ^ Arbatsky, Yuri, cited in Koco with the footnote Translated and published by Filip Fishta in Shkolla Kombëtare (The National School; No.1, May 1939), 19, and quoted from his Preface to Pjetër Dungu's Lyra Shqiptare (see note 2).
  3. ^ Albanian Music in Eno Koco at the University of Leeds. URL consultato il 28 agosto 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]