Mefisto valzer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estratto dallo spartito del Mefisto valzer nº 1

I Mefisto valzer (in tedesco Mephisto-Walzer) sono quattro valzer composti dal compositore ungherese Franz Liszt tra il 1859-1862, 1880-1881, 1883 e 1885. I numeri 1 e 2 furono composti inizialmente per orchestra, poi arrangiati per pianoforte, pianoforte a quattro mani e due pianoforti, mentre il terzo e il quarto furono scritti per pianoforte solo. Dei quattro, il primo è il più popolare e viene spesso eseguito in concerto o inciso[1].

I quattro valzer traggono ispirazione da un episodio legato al personaggio di Faust, e precisamente dai racconti di Nikolaus Lenau.

Anche la bagatella senza tonalità (titolo originale: Bagatelle sans tonalité) viene talvolta inclusa con i Mefisto valzer. Il manoscritto porta il titolo di "Quarto Mefisto valzer"[2] e quindi potrebbe essere stato destinato a sostituire l'originale quarto Mefisto valzer.

Un'altra composizione da considerare è il Mefisto Polka che, pur non essendo un valzer, segue lo stesso programma.

Il Mefisto valzer n. 2 è stato anche trascritto per orchestra ed è stato registrato da Kurt Masur e la Gewandhaus-Orchester di Lipsia e, sempre nello stesso CD, Masur ha inciso altri pezzi orchestrali di Liszt. Il secondo Mefisto valzer si presenta quasi come un notturno orchestrale, ricco di dolcezza e di bellezza assoluta che porta l'ascoltatore a riflettere e a rimanere incantato davanti a quel sogno (non a caso il Mefisto valzer n. 2 si intitola Corteo Notturno).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hamilton, op. cit., p. 80.
  2. ^ Howard, op. cit., note ai valzer 1 e 3.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Kenneth Hamilton, The Cambridge Companion to Liszt, Cambridge, Cambridge University Press, 2005, ISBN 0-521-64462-3.
  • (EN) Leslie Howard, The Waltzes, Allegato a Hyperion - Liszt Complete Solo Piano Music - CD 1, CDA66201.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica