Mary Schapiro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary Schapiro
SchapiroMary.jpg

29º Presidente della Securities and Exchange Commission
Durata mandato 22 gennaio 2009 - 14 dicembre 2012
Predecessore Christopher Cox
Successore Elisse Walter

Dati generali
Partito politico Democratico

Mary L. Schapiro (New York, 19 giugno 1955) è una politica e avvocato statunitense, presidente della Securities and Exchange Commission dal 2009 al 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in legge alla George Washington University, nel 1988 la Schapiro fu scelta dal Presidente Reagan per occupare uno dei due seggi della SEC destinati al Partito Democratico e l'anno seguente fu riconfermata dal Presidente Bush.

Nel 1993 il Presidente Clinton la nominò presidente ad interim della commissione e l'anno dopo le affidò l'incarico di presidente della Commodity Futures Trading Commission. Nel 1996 la Schapiro entrò nella National Association of Securities Dealers (odierna Financial Industry Regulatory Authority): ne divenne vicepresidente nel 2002 e in seguito ne fu presidente e amministratore delegato dal 2006 al 2008.

Nel dicembre 2008 il Presidente Obama la nominò presidente della SEC. La Schapiro, occupandosi del caso Madoff è stata coinvolta in numerose polemiche: infatti è emerso che alcuni anni prima la donna nominò Mark Madoff, il figlio di Bernard, come membro del National Adjudicators Council, l'organo di regolamentazione che sovrintende le decisioni del FINRA[1]. Successivamente la Schapiro si trovò di nuovo nel mirino delle critiche, in quanto si scoprì che aveva messo a capo dell'ufficio legale un tale David Becker, che aveva interessi personali nel caso Madoff[2].

Mary Schapiro è stata inclusa quattro volte nella lista delle 100 donne più potenti del mondo secondo la rivista Forbes: nel 2009 al cinquantaseiesimo posto[3], nel 2010 al diciassettesimo[4], nel 2011 al ventiquattresimo e nel 2012 al sessantacinquesimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Usa, dopo frode Madoff Obama silura Cox, Mary Schapiro alla Sec, America24, 18 dicembre 2008. URL consultato il 27 aprile 2011.
  2. ^ Il caso Madoff resta l'incubo della Sec, Il Sole 24 ORE, 10 marzo 2011. URL consultato il 27 aprile 2011.
  3. ^ #56 Mary Schapiro, forbes.com. URL consultato il 27 aprile 2011.
  4. ^ Mary Schapiro, forbes.com. URL consultato il 27 aprile 2011.