Martha Medeiros

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Martha Medeiros (Porto Alegre, 20 agosto 1961) è una giornalista e scrittrice brasiliana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di José Bernardo Barreto de Medeiros e Isabella Matos de Medeiros, è giornalista per il giornale Zero Hora di Porto Alegre e per O Globo di Rio de Janeiro[1].

Si è laureata nel 1982 presso la Pontificia Università Cattolica di Rio Grande do Sul (PUCRS) a Porto Alegre.

Dopo aver lavorato in campo pubblicitario, si è trasferita per nove mesi in Cile e lì ha cominciato a scrivere poesie. Tornata a Porto Alegre, ha iniziato a scrivere come giornalista proseguendo anche la sua carriera letteraria[2].

Un testo tratto da una sua poesia del 2000 dal titolo A Morte Devagar (letteralmente: "una morte lenta", tradotta in italiano col titolo Lentamente muore) è stato per lungo tempo erroneamente attribuito dai più (principalmente sul web) a Pablo Neruda[3].

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Strip-Tease (1985)
  • Meia noite e um quarto (1987)
  • Persona non grata (1991)
  • Con Cara Lavada (1995)
  • Poesia Reunida ' (1998)
  • Geração Bivolt (1995)
  • Topless (1997)
  • Santiago do Cile (1996)
  • Trem-Bala (1999)
  • Non Stop (2000)
  • Cartas Extraviadas e Outros Poemas (2000)
  • A Morte Devalgar (2000)
  • Couch (2002); Lettino, Roma, Cavallo di Ferro, 2007 (traduzione di Cinzia Buffa)
  • Divã (2002) - Romance que deu origem a uma peça, a um filme e série de TV, todos estrelados pela a atriz Lilia Cabral, no papel de Mercedes.
  • Montanha-Russa (2003)
  • Rollercoaster (2003)
  • Esquisita como Eu (2004)
  • Selma e Sinatra (2005)
  • 'Tudo que Eu Queria te Dizer (2007); Tutto quello che volevo dirti, Roma, Cavallo di Ferro, 2008 (traduzione di Cinzia Buffa)
  • Doidas e Santas (2008)
  • Fora de Mim (2010)
  • Feliz por Nada (2011)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ googlebooks
  2. ^ bienaldolivrosp.com.br
  3. ^ (PT) Articolo su Zero Hora

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]