Maria Tallchief

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Tallchief nel 1954

Elizabeth Marie Tall Chief, nota come Maria Tallchief (Fairfax, 24 gennaio 1925Chicago, 11 aprile 2013), è stata una ballerina statunitense, considerata una delle prime grandi ballerine statunitensi[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata in Oklahoma da madre di origine scozzese-irlandese e padre nativo americano (discendente della tribù Osage), si trasferisce da ragazza a Beverly Hills dove inizia a studiare danza diventando allieva di Bronislava Nijinska.[1]

A diciassette anni si presenta ad un'audizione a New York e viene accolta dalla compagnia Ballet Russe de Monte Carlo, dove rimane tra il 1942 ed il 1947. Anche il suo futuro marito George Balanchine faceva parte di questa compagnia. In seguito ha lavorato per diverso anni nel New York City Ballet.[1] Nel 1951 ha annullato il matrimonio con Balanchine, ma i due sono rimasti in contatto come ballerina l'una e coreografo l'altro.

Nel 1956 ha sposato Henry "Buzz" Paschen. Dalla coppia è nata la poetessa Maria Elise Paschen.[1]

Ritiratasi dall'attività di ballerina nel 1965, è stat direttrice della Lyric Opera of Chicago dal 1973 al 1979, mentre ha fondato nel 1981 con la sorella Marjorie il Chicago Lyric Opera Ballet, di cui è stata direttrice artistica fino al 1987. [1]

Nel periodo 1990-2013 è stata consulente artistica onoraria del Chicago Festival Ballet di Ken von Heidecke.

Nel dicembre 2012 si è rotta il bacino; muore per le complicanze della lesione nell'aprile 2013.[1]

È inserita nella National Women's Hall of Fame.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Sun Times

Controllo di autorità VIAF: 79187221 LCCN: n50016845