Legittima difesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Legittima difesa (disambigua).

La legittima difesa, in diritto, è una causa di giustificazione prevista da vari ordinamenti giuridici, solitamente concepito come una causa di non punibilità ai fini dell'applicazione di sanzioni di diritto penale.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La ragione dell'istituto è probabilmente ispirata al brocardo latino vim vi repellere licet e la ratio va individuata nella prevalenza attribuita, in un atto di autodifesa, all'interesse ingiustamente aggredito piuttosto che all'interesse dell'aggressore.

Disciplina normativa nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Italia[modifica | modifica sorgente]

L'istituto è contemplato dal codice penale italiano all'art. 52:

« Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un'offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa. »

Requisiti di applicabilità[modifica | modifica sorgente]

La legittima difesa implica necessariamente un'aggressione e una reazione, sottoposte entrambe a determinate condizioni:

  • Aggressione:
    • Oggetto dell'attacco deve essere un diritto, qualunque esso sia indistintamente, di qualsiasi natura (il codice parla di «offesa»);
    • La minaccia al diritto attaccato deve essere ingiusta, ovvero contraria all'ordinamento giuridico;
    • Deve sussistere un pericolo attuale: non basta la probabilità di un eventuale accadimento, potendo in tal caso il soggetto leso invocare l'intervento dello Stato.
  • Reazione:
    • La reazione deve essere necessaria per salvare il diritto minacciato;
    • La reazione deve essere proporzionata all'offesa.

Novità introdotte dalla legge 59/2006[modifica | modifica sorgente]

Con la legge 13 febbraio 2006 n. 59 ("Modifica all'articolo 52 del codice penale in materia di diritto all'autotutela in un privato domicilio.")[1] è stato aggiunto un comma recante le disposizioni che seguono:

« Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:

a) la propria o altrui incolumità;

b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.

La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale.»

La riforma del 2006 ha introdotto dunque una presunzione assoluta (iuris et de iure) di proporzione fra difesa e offesa, nei casi di reazione avvenuta durante la commissione di delitti di violazione del domicilio ed in presenza di un pericolo di aggressione fisica. Inoltre al domicilio sono equiparati i luoghi di esercizio di attività economiche.

Perché operi la presunzione di proporzione è necessario che ci si trovi:

  • In uno dei casi previsti dall'articolo 614, commi 1 e 2 c.p.
  • Che colui che pone in essere la legittima difesa abbia il diritto di trovarsi in quel luogo
  • Che vi sia un pericolo per l'incolumità della persona
  • Che la legittima difesa sia operata attraverso un'arma o un altro strumento di coercizione legittimamente detenuto da chi la adopera.

Perché operi la presunzione devono essere contemporaneamente presenti tutte le suddette condizioni, mentre in assenza di queste è comunque possibile che sia accertata la proporzione fra mezzi di difesa e di offesa.

L'onere della prova spetta a chi invoca la legittima difesa, il quale deve dimostrare che la persona offesa si trovava illegittimamente nella altrui proprietà, metteva in atto un pericolo per l'incolumità della persona, e non esistevano mezzi alternativi di difesa. La legittima difesa non viene generalmente riconosciuta se si spara alle spalle della vittima, ad esempio durante la fuga della persona che ha commesso la violazione di domicilio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 51 del 2 marzo 2006

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pietro Semeraro. Riflessioni sulla riforma della legittima difesa, Cassazione penale, 2006 volume: 46 - fascicolo: 3

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto