Lavin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lavin (disambigua).
Lavin
comune
Lavin – Stemma
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Graubünden matt.svg Grigioni
Distretto Inn
Amministrazione
Lingue ufficiali Romancio
Territorio
Coordinate 46°46′N 10°06′E / 46.766667°N 10.1°E46.766667; 10.1 (Lavin)Coordinate: 46°46′N 10°06′E / 46.766667°N 10.1°E46.766667; 10.1 (Lavin)
Altitudine 1.435 m s.l.m.
Superficie 46,26 km²
Abitanti 184 (2005)
Densità 3,98 ab./km²
Frazioni >
Comuni confinanti Ardez, Gaschurn (AT-8), Guarda, Klosters-Serneus, Susch, Zernez
Altre informazioni
Cod. postale 7543
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 3743
Targa GR
Circolo Sur Tasna
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lavin
Lavin – Mappa
Sito istituzionale

Lavin è un comune svizzero del Canton Grigioni di 186 abitanti.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Lavin è situato in Bassa Engadina, sul lato sinistro del fiume Inn. Dista 31 km da Davos, 43 km da Sankt Moritz, 75 km da Landeck e 87 km da Coira. È servito dalla stazione ferroviaria omonima della Ferrovia Retica, sulla linea Pontresina - Scuol.

Il punto più elevato del comune è la cima del Piz Linard (3411 m s.l.m.), sul confine con Susch.

3,6 km² del territorio comunale, comprendenti i laghi della conca morenica di Macun, fanno parte del Parco nazionale svizzero.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nei pressi di Lavin, in località Las Muottas, vennero ritrovati nel biennio 1938-1939 dei frammenti di ceramica risalenti all'età del bronzo da parte di Hans Conrad. Si presume quindi che il territorio di Lavin fosse già allora abitato.

L'esistenza del villaggio di Lavin propriamente detto è attestata dal XIII secolo. Il paese venne successivamente devastato ben due volte dalle truppe austriache (1499 e 1621-1622). Il villaggio si emancipò definitivamente dal dominio asburgico nel 1652.

Nel 1869 il paese venne parzialmente distrutto da un incendio; le case bruciate vennero ricostruite secondo lo stile architettonico italiano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La chiesa riformata con un San Cristoforo in facciata quasi cancellato. Il coro è adorno di affreschi ancora ben conservati.

Chiesa riformata: facciata con San Cristoforo
Coro con affreschi

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera