Lan Kham Deng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lan Kham Deng
Re di Lan Xang
In carica 1417-1428
Incoronazione 1417
Predecessore Samsenthai
Successore Phommathat
Nascita Mueang Sua,
Regno di Lan Xang, 1387
Morte Mueang Sua,
Regno di Lan Xang, 1428
Casa reale Luang Prabang
Dinastia Khun Lo
Padre Samsenthai
Madre Bua Then Fa
Consorte Keo Pum Fa
Figli Principe Phommathat
Principe Yukhon
Principe Nu Kon
Religione Buddhismo Theravada

Re Lan Kham Deng, il cui titolo ufficiale fu Samdach Brhat-Anya Chao Lamakamadinga (Mueang Sua, 1387Mueang Sua, 1428), è stato il terzo sovrano del Regno di Lan Xang, la cui capitale era Mueang Sua (detta anche Xieng Thong), l'odierna Luang Prabang nel Laos settentrionale. Salì al trono all'età di 30 anni dopo la morte del padre e predecessore Samsenthai nel 1417.[1][2]

Le cronache che lo menzionano provengono dagli antichi annali di Lan Xang, di Lanna, di Ayutthaya e di Birmania, che differiscono tra loro. Gli annali di Lan Xang furono tradotti in altre lingue ed interpretati in diversi modi, dando luogo a controversie sull'attendibilità dei riferimenti storici. La principale tra le critiche che determinarono il cambiamento del testo originale, fu dettata dalla convinzione che molti degli avvenimenti storici fossero stati omessi o distorti nell'edizione originale a maggior gloria del regno. Gli avvenimenti e le date relative alla vita di Lan Kham Deng non sono quindi pienamente attendibili.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1387, secondo figlio di Samsenthai e Bua Then Fa, figlia dell'ex re di Mueang Sua Khamhiao. Venne nominato erede al trono con il titolo di Sen Mueang dal padre e fu preferito al fratellastro maggiore Lue Sai, di cui non si conosce la madre, che sarebbe a sua volta diventato re di Lan Xang nel 1432.[1] Salì al trono nel 1417, ereditando dal padre un regno fiorente e ben organizzato. Fece costruire i templi Wat Both e Wat Suan Tien, che si ipotizza sia stato eretto sopra al luogo dove erano custodite le ceneri del padre.[2]

Gli 11 anni del suo regno furono all'insegna della pace e del benessere; nelle due successive decadi Lan Xang avrebbe attraversato un periodo oscuro in cui si susseguirono nefasti eventi.[4] Protagonista di tali eventi fu la cortigiana Maha Devi, un membro della famiglia reale che acquisì crescente importanza durante il regno di Lan Kham Deng. I suoi intrighi e le lotte che nacquero fra diverse fazioni dell'aristocrazia avrebbero portato all'assassinio di almeno sei sovrani nel giro di 12 anni.[4]

Un altro evento negativo, che 50 anni dopo avrebbe avrebbe probabilmente contribuito a scatenare una sanguinosa guerra,[4] si verificò nel quarto anno di regno di Lan Kham Deng. Il sovrano del Regno Dai Viet, che controllava l'odierno Vietnam settentrionale, chiese l'aiuto di Lan Xang per cacciare le armate cinesi della dinastia Ming che avevano occupato il paese. Lan Kham Deng assecondò la richiesta dell'alleato, ma quando le truppe di Mueang Sua arrivarono sul campo di battaglia si schierarono a fianco dei cinesi. I vietnamiti riuscirono a sconfiggere i cinesi e rimandare a Lan Xang i laotiani. Al momento non vi furono conseguenze ed i rapporti tra le due corti tornarono normali, ma l'affronto non fu dimenticato e nel 1478 i Dai Viet avrebbero invaso Lan Xang.[4]

Lan Kham Deng morì nel 1428 all'età di 41 anni e lasciò il regno al primogenito Phommathat, che fece custodire le ceneri del padre nel Wat Manorom, tuttora esistente a Luang Prabang.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Lan Kham Deng sposò la regina Keo Pum Fa, che gli diede 3 figli:[1]

  1. principe Phommathat, che divenne Rre di Lan Xang alla morte del padre
  2. principe Yukhon, che succedette a Phommathath
  3. principe Nu Kon, che nel 1441 divenne governatore del principato di Meuang Phuan, nell'odierna Provincia di Xiangkhoang.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) The Khun Lo Dynasty, Genealogy - Lan Xang, sul sito royalark.net
  2. ^ a b (EN) Viravong, Maha Sila: History of Laos, doc. PDF. Paragon book reprint corp. New York, 1964. Alle pagg. 40 e 41 (consultabile sul sito reninc.org)
  3. ^ (EN) Simm, Peter e Simm, Sanda: The Kingdoms of Laos: Six Hundred Years of History. Capitolo IV, pag. 55. Routledge, 2001. ISBN 0700715312. (parzialmente consultabile su Google Libri)
  4. ^ a b c d (EN) Simm, Peter e Simm, Sanda: The Kingdoms of Laos: Six Hundred Years of History. Routledge, 2001. ISBN 0700715312. Capitolo III (parzialmente consultabile su Google Libri)
Predecessore Sovrano del Regno di Lan Xang Successore
Samsenthai
13721417
14171428 Phommathat
14281429