Lamayuru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

34°16′58″N 76°46′28″E / 34.282778°N 76.774444°E34.282778; 76.774444

Uno scorcio del complesso di Lamayuru

Il Monastero di Lamayuru è un convento del Buddhismo tibetano.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Fondato intorno all’ anno 1000 da Nāropā e appartenente alla scuola Drigung Kargyu, il monastero di Lamayuru è uno dei più grandi e antichi conventi buddhisti di tradizione tibetana sul suolo indiano. È noto anche come Lama Yung Drung, ossia «Svastica del lama».

In passato diede ospitalità fino a quattrocento monaci, molti dei quali ora vivono nei gompa dei vicini villaggi. Attualmente i religiosi residenti sono centocinquanta.

Retto da Lama Paljin, unico lama italiano attualmente vivente, Lamayuru ospita ogni anno due festival di danza, che si svolgono rispettivamente nel secondo e nel quinto mese del calendario lunare tibetano, nel cui svolgimento ogni monaco raggiunge questo monastero per pregare.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India