La torre Eiffel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La torre Eiffel
Autore Dino Buzzati
1ª ed. originale 1942
Genere racconto
Lingua originale italiano

La torre Eiffel è un racconto di Dino Buzzati del 1942 pubblicato originariamente ne I sette messaggeri e successivamente ne Il colombre e La boutique del mistero.

Trama[modifica | modifica sorgente]

André, operaio laborioso ed efficiente, viene assunto dall’ingegner Gustavo Eiffel per la costruzione di una torre commissionata dallo Stato. L’operaio viene assunto sotto la condizione di non rivelare mai informazioni sulla torre a nessuno, poiché Gustavo vuole costruire oltre la misura del progetto iniziale.

Quando la torre raggiunge l’altezza di 300 metri, Gustavo congeda gli operai che vogliono tornare a casa e continua con gli altri, i quali si insediano sulla torre, a causa dei lunghi tempi di discesa e risalita. Una nube bianca artificiale nasconde alla gente l’altezza effettiva della torre.

Gli operai continuano a costruire anche molto tempo dopo la morte di Eiffel, ma la polizia, su ordine dello Stato, fa demolire la parte di torre superiore ai 300 metri e la inaugura.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura