La porta dell'inferno (Rodin)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La porta dell'inferno
La porta dell'inferno
Autore Auguste Rodin
Data 1880/1917[1]
Materiale Bronzo
Dimensioni 635x400x100 cm 
Ubicazione Musée Rodin, Parigi

La porta dell'inferno è una scultura incompiuta di Auguste Rodin, sul quale lo scultore lavorò per più di trent'anni fino alla morte. È custodita al Musée Rodin di Parigi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La scultura venne commissionato a Rodin nel 1880, attraverso la persona di Edmond Turquet; la richiesta era di un prospetto per una porta ornamentale da collocarsi al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, al tempo ancora in progetto. I lavori sull'opera si sarebbero dovuti concludere nel 1885, ma si protrassero per quasi quarant'anni fino alla morte di Rodin.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Rodin pensò ad un portale monumentale, alto più di quattro metri e mezzo, ricoperto di bassorilievi ispirati all'inferno dantesco. Il tema richiesto era infatti libero e Rodin ne approfittò per sviluppare alcuni bozzetti basati sull'opera del poeta; sul suo rapporto con il poema di Dante ebbe a dire:

(FR)
« Dante est non seulement un visionnaire et un écrivain; c’est aussi un sculpteur. Son expression est lapidaire au bon sens du mot. Quand il décrit un personnage, il le campe avec son attitude et son geste. [...] J’ai vécu un an entier avec Dante, ne vivant que de lui et qu’avec lui, dessinant les huit cycles de l’enfer... »
(IT)
« Dante non è solamente un visionario e uno scrittore; è anche uno scultore. La sua espressione è lapidaria, nel senso buono del termine. Quando descrive un personaggio, lo rappresenta solidamente tramite gesti e pose. [...] Ho vissuto un intero anno con Dante, vivendo di nulla se non di lui e con lui, disegnando gli otto cerchi dell'inferno... »
([2])

Altra celebre ispirazione per la scultura è rappresentata dalla Porta del Paradiso di Lorenzo Ghiberti, opera capitale del Rinascimento situata nel Battistero di San Giovanni a Firenze.

Nella Porta dell'inferno sono presenti ben 180 figure dalle dimensioni variabili, le quali possono raggiungere anche il metro d'altezza. Sono riconoscibili in particolare alcuni personaggi, tra i quali l'autore della Divina Commedia, raffigurato nelle vesti del pensatore al centro del portale; tra le altre figure si scorgono il Conte Ugolino, Paolo e Francesca nonché Adamo ed Eva.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La Porta dell'Inferno di Rodin viene anche mostrata nel videogioco Dante's Inferno come entrata dell'Oltretomba, ma in proporzioni gigantesche.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rodin vi lavorò dal 1880 fino alla morte, senza riuscire a concluderla.
  2. ^ Valérie Deshoulières e Muguraş Constantinescu, Les funambules de l'affection: Maîtres et disciples, Presses Univ Blaise Pascal, 2009, p. 209.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]