La Costituzione Inglese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Costituzione Inglese
Titolo originale The English Constitution
Autore Walter Bagehot
1ª ed. originale 1867
Genere saggio
Sottogenere politica
Lingua originale inglese

La Costituzione Inglese (traduzione dal titolo originale The English Constitution) è un libro di Walter Bagehot scritto nel 1867. Esplora la costituzione (non scritta, ma consuetudinaria) del Regno Unito, soffermandosi soprattutto sul Parlamento e sulla Monarchia Britannica, e comparando il governo inglese con quello americano. L'opera diventò un testo fondamentale e fu tradotto in varie lingue.

Osservazioni sulla comparazione dei governi[modifica | modifica wikitesto]

I riferimenti di Bagehot sul Parlamento sono diventati obsoleti, invece le sue osservazioni sulla monarchia sono ancora considerate centrali per comprendere la monarchia costituzionale. Definì i diritti e i ruoli del monarca vis-à-vis al governo in tre punti o frasi:

  • The right to be consulted; (diritto di essere consultato)
  • The right to advise; (diritto di consigliare)
  • The right to warn.(diritto di mettere in guardia)

Generazioni di monarchi britannici hanno studiato l'analisi di Bagehot.

L'autore ha inoltre diviso la costituzione in due parti: Dignified (la parte simbolica) e Efficient (la maniera in cui effettivamente funziona).

Walter Bagehot nell'opera loda quello che ora viene definito governo parlamentare (che egli chiama 'governo di gabinetto', cabinet government') e allo stesso tempo critica il sistema americano per i numerosi difetti ed assurdità che vi rileva, come la sua relativa mancanza di flessibilità e responsabilità. Citando ciò che scrive "un sistema parlamentare forma il pubblico, mentre un sistema presidenziale lo corrompe".

Loda il Parlamento come un luogo di "reale dibattito", considerando invece i dibattiti del Congresso degli Stati Uniti d'America come dei "Prologhi senza uno spettacolo". Bagehot afferma che la differenza sta nella sostanza, poiché i dibattiti al Parlamento hanno la possibilità di rovesciare un governo, mentre i dibattiti al Congresso non hanno questo importante potenziale.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]