L'uomo di neve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo di neve
Titolo originale Sneemanden
Altri titoli Il pupazzo di neve
Hca ill 0094.jpg
Illustrazione del 1870
Autore Hans Christian Andersen
1ª ed. originale 1861
Genere fiaba
Lingua originale danese

L'uomo di neve o Il pupazzo di neve è una fiaba scritta da Hans Christian Andersen, che racconta di un pupazzo di neve che si innamora di una stufa.[1] È stata pubblicata da C. A. Reitzel a Copenaghen con il titolo Sneemanden il 2 marzo 1861.[2]

La fiaba racconta di un pupazzo di neve che passa tutto il giorno a fissare l'interno della abitazione di chi l'ha costruito, potendo scorgere dalla finestra una stufa, di cui si dichiara innamorato con l'unica compagnia che sembra essere in grado di parlare con lui, un saggio cane. I giorni passano, e il pupazzo di neve continua a struggersi continuando a contemplare ed ammirare la stufa durante la notte (durante il giorno le finestre sono ghiacciate). Una volta che l'inverno finisce, l'uomo di neve si scioglie, ed il cane capisce finalmente il motivo del suo amore per la stufa. Il pupazzo era infatti costruito intorno ad un raschiatoio della stufa, e soffriva per la malinconia di non potersi riunire ad essa.

Il biografo di Andersen, Jackie Wullschlager, descrisse la favola come "un complemento lirico e struggente" a L'abete del dicembre 1844.[3] Wullschlager credeva che "l'uomo di neve" fosse in parte il prodotto dello "struggimento e dell'insoddisfazione" di Andersen nei confronti di Harald Scharff, un giovane e bellissimo ballerino del Royal Theatre di Copenaghen.[4] Secondo Wullschlager, i due uomini ebbero una relazione nei primi anni del 1860 che portò al poeta "una sorta di appagamento sessuale ed una momentanea fine alla solitudine."[5] È stata l'unica relazione di natura omosessuale ad aver portato ad Andersen un po' di felicità.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wullschlager 2000, p. 378
  2. ^ Nye Eventyr
  3. ^ Wullschlager 2000, pp. 378–379
  4. ^ Wullschlager 2000, pp. 373,379
  5. ^ Wullschlager 2000, pp. 387–389
  6. ^ Andersen, H.C. 2005, p. 435

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura