L'ultimo dei Vostiachi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultimo dei Vostiachi
Autore Diego Marani
1ª ed. originale 2001
Genere romanzo
Lingua originale italiano

L'ultimo dei Vostiachi è un romanzo del 2001 dello scrittore italiano Diego Marani.

Si tratta di una satira dei pregiudizi del mondo accademico e della ricerca filologica, ma solleva anche una riflessione sul linguaggio come un simbolo d'identità e sulla solitudine degli ultimi parlanti di una lingua che sta per scomparire.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio centrale è un nativo della Siberia, con un passato di recluso in un gulag, che parla una lingua quasi scomparsa, e rappresenta l'ultimo residuo di una sonorità che sta per sparire.

Un'investigatrice russa, che riesce a comprenderlo, lo vuole portare ad un congresso sulle lingue uraliche a Helsinki.

Un professore finlandese, però, tenterà d'impedire che il siberiano possa rappresentare la prova vivente della connessione filologica tra il finlandese e la lingua dei nativi americani.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 il romanzo ha vinto il Premio Stresa di Narrativa ed è stato tra i finalisti del Premio Campiello.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura