John Mandeville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ritratto di Sir John Mandeville. Tratto da un manoscritto del 1459

Jehan de Mandeville, tradotto in inglese con sir John Mandeville (... – XIV secolo), è stato un viaggiatore inglese, è il nome del supposto compilatore di un libro di viaggi, scritto in antico francese e pubblicato tra il 1357 ed il 1371.

Il racconto raccolse una straordinaria popolarità, anche grazie alla traduzione in molte altre lingue. Molti esploratori successivi, tra i quali Cristoforo Colombo, furono notevolmente influenzati da quest'opera, nonostante vi siano descrizioni di cose irreali e di natura fantastica.

Identità[modifica | modifica wikitesto]

Nella prefazione del racconto dei viaggi l'autore si definisce un cavaliere ed afferma di essere nato e cresciuto in Inghilterra, nella città di St Albans.

Viaggio[modifica | modifica wikitesto]

Un trattato delle cose più meravigliose e più notabili che si trovano al mondo. Mandeville non si mosse mai da casa ma per la sua composizione adopera il meglio della letteratura odeporica a disposizione.

L'imperatore di Costantinopoli con la Sacra Lancia, da un manoscritto conservato nella British Library

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]