John Chambers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Thomas Chambers[1] (Charleston, 23 agosto 1949) è un informatico e dirigente d'azienda statunitense.

È presidente ed amministratore delegato di Cisco Systems Inc., multinazionale americana dell'informatica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Charleston (Virginia Occidentale) da un ostetrico e da una psicologa,[2] ha sofferto da ragazzo di dislessia[3] e di difficoltà nell'apprendimento e per questo, alle elementari, veniva preso in giro dai compagni di classe. I genitori decisero quindi di ritirarlo da scuola e di sottoporlo a un trattamento specialistico durato due anni. Tornato a scuola, riuscì a completare gli studi e a laurearsi in legge alla West Virginia University (nel 1974) e a ottenere (nel 1975) un master in Finance and business all'Indiana University di Bloomington.[1]

Nel 1976 è entrato nell'IBM, dove ha fatto una rapida carriera come manager. Nel 1982 è passato alla Wang Laboratories, dov'è rimasto fino al 1991.[2] Nel 1991 è entrato alla Cisco come senior vice president e nel gennaio del 1995 ne è diventato amministratore delegato.[4] Nel novembre del 2006 è stato nominato anche presidente del consiglio d'amministrazione dell'azienda.[5]

Sposato con Elaine Prater, ha due figli.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) John Thomas Chambers, Business Week, 13 settembre 1999. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  2. ^ a b (EN) John Chambers, Pratt School of Engineering, 16 ottobre 1998. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  3. ^ (EN) Chambers, Cisco born again, USA Today, 21 gennaio 2004. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) John Chambers, President and CEO, Cisco Systems, MIT ILP, 8 settembre 2005. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  5. ^ (EN) John T. Chambers - Chairman and Chief Executive Officer, Cisco. URL consultato il 17 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 166460533 LCCN: n2001097594