It's So Hard to Tell Who's Going to Love You the Best

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
It's So Hard to Tell Who's Going to Love You the Best

Artista Karen Dalton
Tipo album Studio
Pubblicazione 1969
Durata 30 min : 46 s
Genere Country blues
Etichetta Capitol Records
Produttore Nick Venet
Karen Dalton - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1971)

It's So Hard to Tell Who's Going to Love You the Best è l'album di debutto della cantante statunitense Karen Dalton, pubblicato dalla Capitol Records nel 1969.

L'album è stato poi ristampato in CD dalla Koch Entertainment nel 1997. Nel 2006, Megaphone ha provveduto ad una nuova pubblicazione, con un nuovo packaging, un nuovo libretto e un DVD con video d'archivio. Nel 2009 la Light In The Attic Records ha stampato ancora una volta l'album, stavolta su vinile.[1]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Little Bit of Rain (Fred Neil) – 2:30
  2. Sweet Substitute (Jelly Roll Morton) – 2:40
  3. Ribbon Bow (trad./Karen Dalton) – 2:55
  4. I Love You More Than Words Can Say (Eddie Floyd, Booker T. Jones) – 3:30
  5. In the Evening (It's So Hard to Tell Who's Going to Love You the Best) (Leroy Carr) – 4:29
  6. Blues on the Ceiling (Neil) – 3:30
  7. It Hurts Me Too (Mel London) – 3:05
  8. How Did the Feeling Feel to You (Tim Hardin) – 2:52
  9. Right, Wrong or Ready (Major Wiley) – 2:58
  10. Down on the Street (Don't You Follow Me Down) (Huddie Ledbetter) – 2:17

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Karen Dalton - chitarra a 12 corde
  • Dan Hankin - chitarra acustica
  • Harvey Brooks - basso elettrico
  • Kim King - chitarra elettrica
  • Gary Chester - percussioni

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ It's So Hard To Tell Who's Going To Love You The Best Info Page in Light In The Attic.