Istituto di scienza e tecnologie dell'informazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione (ISTI) è un istituto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

L'Istituto si trova nell'area della ricerca del CNR di Pisa. L'ISTI è stato costituito nel settembre 2000 a seguito di una fusione tra l'Istituto CNUCE (CNUCE-CNR) e l'Istituto di Elaborazione dell'Informazione (IEI-CNR).

L'ISTI è chiamato in onore di Alessandro Faedo, ex Rettore dell'Università di Pisa e Presidente del CNR, in riconoscimento del suo importante contributo al progresso della Scienza e Tecnologie nelle comunità accademiche italiane. L'Istituto è divenuto pienamente operativo nel 2002 e attualmente conta tra i suoi dipendenti più di 130 ricercatori.

Dal Luglio 2008 il Direttore dell'Istituto è il dott. Claudio Montani, riconfermato nel 2014[1].

L'istituto si compone di 14 Laboratori di ricerca, raggruppati lungo 5 aree tematiche.

Aree tematiche e Laboratori afferenti[modifica | modifica wikitesto]

Networking Science and Technologies[modifica | modifica wikitesto]

Domotics Laboratory (HA)

Internet Services Technology Center (NS)

Wireless Networks Laboratory (WN)

Software Science and Technologies[modifica | modifica wikitesto]

Formal Methods and Tools Laboratory (FMT)

Software Engineering and Dependable Computing Laboratory (SEDC)

System and Software Evaluation Center (SSE)

Knowledge Science and Technologies[modifica | modifica wikitesto]

Human Interfaces in Information Systems Laboratory (HIIS)

Networked Multimedia Information Systems Laboratory (NeMIS)

The Knowledge Discovery and Data Mining Laboratory (KDD)

Visual and High Performance Computing Science and Technologies[modifica | modifica wikitesto]

High Performance Computing Laboratory (HPC)

Signals and Images Laboratory (SI)

Visual Computing Laboratory (VC)

Flight and Structural Mechanics[modifica | modifica wikitesto]

Mechanics of Materials and Structures Laboratory (MMS)

Space Flight Dynamics Laboratory (SFD)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]