Il volto nell'abisso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il volto nell'abisso
Autore Abraham Merritt
1ª ed. originale 1931
1ª ed. italiana 1981
Genere romanzo
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Ambientazione Sud America, 1923
Protagonisti Nicholas Graydon

Il volto nell'abisso (The Face in the Abyss) è un romanzo fantastico di Abraham Merritt. L'opera consiste di un omonimo racconto con l'aggiunta di un seguito, intitolato in inglese The Snake Mother. Il racconto è apparso per la prima volta l'8 settembre 1923 sul periodico Argosy All-Story Weekly, mentre The Snake Mother è apparso suddiviso in sette puntate sul magazine Argosy a partire dal 25 ottobre 1930. Il romanzo è stato pubblicato nella sua forma completa solamente nel 1931.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nicholas Graydon è un ingegnere minerario statunitense. Mentre è in Sud America alla ricerca di un tesoro Inca perduto, incontra Suarra, ancella della Madre Serpente di Yu-Atlanchi. Suarra conduce Graydon in un abisso in cui Nimir, il Signore del Male, è imprigionato in un volto dorato. I compagni di spedizione di Graydon, dominati dalla bramosia di ricchezza, vengono trasformati dall'entità rinchiusa nel volto in pepite d'oro, mentre Graydon viene salvato da Suarra e dal Serpente Madre - una donna dalla testa di serpente - che accorre in loro aiuto nella lotta contro Nimir.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Abraham Merritt, Il volto nell'abisso, Oizzonti. Capolavori di Fantasia e Fantascienza, Fanucci Editore, 1981, pp. 302.
  • Abraham Merritt, Il volto nell'abisso, Maestri del fantastico, Fanucci Editore, 1990, pp. 292, ISBN 8834700783.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]