Il figlio della domenica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il figlio della domenica
Titolo originale Söndagsbarn
Lingua originale Svedese
Paese di produzione Svezia
Anno 1992
Durata 118 min.
Colore colore
Audio sonoro (dolby)
Genere drammatico
Regia Daniel Bergman
Sceneggiatura Ingmar Bergman
Produttore Katinka Faragó
Produttore esecutivo Klas Olofsson
Casa di produzione Det Danske Filminstitut, Eurimages, FilmTeknik, Finnish Film Foundation, Island Film Fond, Metronome Productions, Nordisk Film- & TV-Fond, Norsk Film A/S, SVT Drama, Sandrews, Svenska Filminstitutet (SFI), Sweetland Films
Fotografia Tony Forsberg
Effetti speciali Hans Harnesk
Musiche Rune Gustafsson, Zoltán Kodály
Scenografia Sven Wichmann
Costumi Mona Theresia Forsén
Trucco Per Åleskog, Cecilia Drott, Ulrika Eklund, Horst Stadlinger, Clary Westerström
Interpreti e personaggi
Premi

1992, Angers European First Film Festival, European Jury Award - Special Mention, Daniel Bergman
1992, Montréal World Film Festival, Tony Forsberg (fotografia), premio FIPRESCI, Daniel Bergman, First Film Special Distinction, Daniel Bergman
1993, Guldbagge Awards, migliore fotografia, Tony Forsberg

Il figlio della domenica (titolo inglese: Sunday's Children) è un film diretto dal regista svedese Daniel Bergman, figlio di Ingmar Bergman che ha invece realizzato la sceneggiatura.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Pu passa un’estate in Norrland, nel nord della Svezia, con tutti i suoi parenti. Lui e suo fratello vengono a sapere la storia dell’orologiaio che si era impiccato, imparano a tirare con l’arco e seguono il loro padre in un viaggio in bicicletta. Il film ha degli aspetti autobiografici per quanto riguarda l’infanzia di Ingmar Bergman.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema