Haydn Tanner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Per favore, quando tornate a casa non scrivete che siamo stati battuti da una coppia di scolaretti »
(Jack Manchester, capitano degli All Blacks, ai giornalisti neozelandesi dopo una sconfitta contro lo Swansea a opera di Haydn Tanner e suo cugino Willie Davies, all'epoca diciassettenni[1])
Haydn Tanner
Dati biografici
Paese Regno Unito Regno Unito
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Galles Galles
Ruolo Mediano di mischia
Carriera
Attività di club¹
1935-49 Swansea Swansea
1949-XX Cardiff Cardiff
Attività da giocatore internazionale
1935-49
1938
Galles Galles
British Lions British Lions
25 (0)
1 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 9 agosto 2013

Haydn Tanner (Penclawdd, 9 gennaio 1917Leicester, 5 giugno 2009) è stato un rugbista a 15 britannico, internazionale per il Galles.

Tanner fu educato alla Gowerton Grammar School ed era ancora uno studente quando giocò come mediano di mischia per lo Swansea contro gli All Blacks al St. Helens nel 1935. La squdara gallese vinse 11 a 3 con un'ottima prestazione di Tanner e di suo cugino Willie Davies.

Nel dicembre dello stesso anno Tanner giocò la prima partita per la nazionale all'età di 18 anni e 11 mesi, diventando così uno dei più giovani giocatori del Galles. La partita lo vide contrapposto ancora una volta alla Nuova Zelanda e Tanner ne uscì ancora vincitore. In totale ha disputato con la nazionale 25 partite, 12 delle quali da capitano, malgrado la sua carriera fu interrotta dall'arrivo della seconda guerra mondiale. Il suo ultimo test internazionale è stato il 26 marzo 1949 contro la Francia.

Nel 1938 Tannet ha preso parte al tour dei British and Irish Lions in Sudafrica.

Nel 1948 è stato capitano dei Barbarians nella partita contro l'Australia.

È morto durante il sonno il 5 giugno 2009.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Paul Rees, Haydn Tanner in The Guardian, 17 agosto 2009. URL consultato il 9 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]