Gravimetro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il gravimetro è uno strumento di misura deputato alla misurazione dell'accelerazione di gravità g. La forza con cui una determinata massa è attratta verso il centro della Terra è precisamente bilanciata, all'interno del gravimetro, da un sistema elastico o da molle (o ancora da forze elettromagnetiche nei gravimetri più moderni). Una piccolissima variazione di questa (dell'ordine di 10^{-10}) dà luogo ad un'oscillazione che si fermerà soltanto quando le forze saranno nuovamente bilanciate.

Tipi di gravimetri[modifica | modifica wikitesto]

Ne esistono due tipi:

  • il gravimetro assoluto, posto in un determinato punto, misura la gravità di quel particolare punto;
  • il gravimetro relativo misura la differenza di gravità esistente fra due punti.

Il gravimetro relativo presenta molta meccanica ma poca elettronica; quest'ultima corrisponde principalmente alle livelle elettroniche che permettono di "mettere in bolla" lo strumento e ne conferiscono quindi la stabilità.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi gravimetrici hanno fra i principali scopi:

L'attività prospettiva, cioè la misurazione, può effettuarsi sul terreno, in mare o tramite un aereo o elicottero.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Meccanica Portale Meccanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Meccanica