Grande enciclopedia delle Armi moderne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grande enciclopedia delle Armi moderne
Autore Autori Vari
1ª ed. originale 1980
1ª ed. italiana 1984
Genere enciclopedia
Lingua originale inglese

La Grande enciclopedia delle Armi moderne è un'enciclopedia specializzata in argomenti legati al settore militare.

L'enciclopedia fu concepita prima della similare armi da guerra, è più piccola e ridotta, soprattutto in campo storico, e risente della limitatezza delle conoscenze all'epoca disponibili sulle armi schierate dall'URSS, come il Tupolev Tu-26 Backfire, rispetto al quale all'epoca si discuteva in Occidente se fosse dotato o meno di capacità intercontinentali.[non chiaro]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa uscì in Italia ad opera della Peruzzo editore, con copyright del 1984, ma si trattava di un'opera originariamente uscita a cura della Salamander Books 1980.

L'edizione italiana venne curata da Maurizio Bianchi, con il contributo in redazione di Metello Venè e Maurizio Imperiali (traduzioni di Giorgio Arduin e Elisabetta Palmieri, grafica di Gianfranco Rocca).

Contenuto e piano dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente l'enciclopedia si componeva di 84 fascicoli, poi aumentati a 96, così ripartiti:

  • Aerei da combattimento
  • Gli aerei della Seconda guerra mondiale
  • Armi e armamenti degli USA
  • I mezzi corazzati
  • Armi e armamenti dell'URSS
  • Armi e armamenti della Cina
  • Le armi leggere da guerra
  • Navi, portaerei, e sottomarini.

Ogni fascicolo era monotematico, constava di 20 pagine, era arricchito da 2-5 grandi disegni o fotografie su 2 pagine, e da numerose schede informative con foto e disegni sugli argomenti trattati.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]